Home Consumatori Consumatori Imperia

Don Alvarez prete di XXMiglia, ideatore di Confine solidale

0
CONDIVIDI
Don Alvarez prete di XXMiglia, ideatore di Confine solidale

Tra i 34mila preti diocesani segnaliamo in Liguria Don Rito Alvarez, prete di Ventimiglia, ideatore del centro di accoglienza per persone in transito

Un mese con i sacerdoti, annunciatori del Vangelo in Parole ed opere nell’Italia di oggi, promotori di progetti anti-crisi per famiglie, anziani e giovani in cerca di occupazione.

“Aiutare in maniera concreta i nostri sacerdoti credo sia un dovere di tutti noi che ne apprezziamo la missione e l’operato. Ogni Offerta, anche di minimo importo, sostiene un sacerdote e gli dà energia per continuare a svolgere la sua missione e aiutare i più poveri. Se crediamo nei sacerdoti, spetta a noi, in prima persona, sostenerli” spiega il responsabile del Servizio Promozione Sostegno Economico alla Chiesa cattolica, Matteo Calabresi – L’Offerta è un contributo speciale, da introdurre stabilmente nella nostra vita cristiana, ripetendolo qualche volta l’anno, perché ci incammina su una nuova strada di comunione con la Chiesa. Basterà anche un piccolo importo, ma donato in tanti, perché raggiunga tutti i preti diocesani in Italia, non soltanto il nostro”.

I sacerdoti si affidano alla comunità per essere liberi di servire tutti. Le Offerte sono lo strumento che permette a ogni fedele di contribuire, secondo un principio di corresponsabilità, al sostentamento di tutti i sacerdoti diocesani, che assicurano una presenza costante in tutte le parrocchie per annunciare il Vangelo e supportare le comunità. Ogni Offerta rappresenta dunque un importante segno di appartenenza e comunione.

Destinate all’Istituto Centrale Sostentamento Clero, queste Offerte sono uno strumento perequativo e di solidarietà nazionale scaturito dalla revisione concordataria del 1984, per sostenere l’attività pastorale dei circa 34.000 sacerdoti diocesani. Infatti da oltre 30 anni i sacerdoti non ricevono più uno stipendio dallo Stato, la congrua, ed è responsabilità di ogni fedele partecipare al loro sostentamento, anche attraverso queste Offerte.

Don Rito Alvarez

Colombiano, Don Rito Alvarez, 47 anni, settimo di 11 figli, ha trascorso la sua infanzia nel villaggio, nel cuore della regione del Catatumbo al nord est del paese, dove i suoi genitori coltivavano caffè. Cresciuto in una famiglia molto religiosa dove la parola d’ordine era “accoglienza”, che si traduceva nell’ospitalità di bambini orfani in un contesto familiare già numeroso, don Rito a 21 anni ha deciso di dedicare la sua vita agli altri e alla chiamata del Vangelo.

Il suo percorso di prete lo ha portato in Italia nelle terre di confine, intorno a Ventimiglia, che sono diventate poi la sua casa. Inizialmente ha frequentato il Seminario di Albenga e, dal 1996, quello della Diocesi di Ventimiglia-Sanremo in Bordighera. Ordinato sacerdote nel 2000, nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Maddalena a Bordighera Alta, dal vescovo di allora Mons. Giacomo Barabino, ha svolto il suo primo incarico a Sanremo, nella parrocchia Santa Maria degli Angeli, dove è rimasto fino al 2008.

Mentre era viceparroco nella città dei fiori, nella sua terra natale si scatenò una guerra spietata tra i paramilitari, gruppi armati filo governativi, e i guerriglieri per contendersi i territori dove viene prodotta la cocaina. Questo conflitto causò in poco tempo più di 13.000 morti, la maggior parte contadini innocenti e, tra questi, anche alcuni suoi parenti. Migliaia furono gli sfollati e anche i suoi genitori ed i fratelli dovettero abbandonare la loro terra.

“A questo punto decisi di reagire – racconta Don Rito -, e di realizzare un’opera volta ad offrire un’alternativa concreta ai bambini sfruttati nelle piantagioni di coca od arruolati nella guerra. Da piccolo ho conosciuto la guerriglia, ho temuto i gruppi rivoluzionari illegali di ideologia marxista che spesso passavano per il villaggio e cercavano di convincere i più piccoli ad arruolarsi nella rivoluzione. Conoscevo bene il terrore che stavano vivendo, allora, i giovani nel mio paese. Grazie al supporto della mia famiglia nel 2006 ho costituito l’Organizzazione non Governativa, “Fundación Oasis de Amor y Paz” con l’intento di formare le nuove generazioni ad una mentalità di giustizia e di pace”.

Inaugurata nel gennaio 2007 dal vescovo di Ventimiglia – Sanremo, Mons. Alberto Maria Carreggio, anche alla presenza del Vescovo di Ocaña, Mons. Jorge Enrique Lozano, la nuova missione ha accolto inizialmente 10 ragazzi, invitati a camminare per un sogno di pace in Colombia. Da quel momento centinaia di giovani sono stati accolti grazie all’impegno di Don Rito che, anche se lontano, ha sempre la Colombia nel cuore.

Proprio per sostenere la Fondazione colombiana il sacerdote ha costituito l’Associazione

“Angeli di pace Sanremo”, un’Organizzazione di Volontariato di Cooperazione Internazionale, che sviluppa campagne d’informazione contro le droghe e i danni provocati dal loro uso. Don Rito incontra, ogni anno, migliaia di giovani nelle scuole per sensibilizzarli sui pericoli degli stupefacenti facendo conoscere loro la realtà di sfruttamento minorile nelle coltivazioni di coca in Colombia e le sue drammatiche conseguenze: ogni dose di questa droga spacciata nei paesi ricchi equivale a due settimane di lavoro di un bambino nelle piantagioni.

Il suo impegno è arrivato anche ai media e, nel luglio 2019, il sacerdote è stato protagonista di un’intera puntata di “Narcotica”, il programma di attualità di Valerio Cataldi su Rai 3. In viaggio con Don Rito, l’autore ha raccontato i campi di coca e i laboratori nascosti nella selva dove si produce il 70 per cento di tutta la cocaina prodotta nel mondo. Un territorio narrato attraverso le storie di ragazzini di 13 anni che si bruciano la vita per riempire sacchi di 70 chili di foglie di coca pagati pochi pesos, ma che fruttano cifre da capogiro ai gruppi criminali. La Fundacion Oasis de Amor y Paz opera qui per offrire un futuro migliore a questi bambini, perché possano trovare in essa una vita tranquilla e dignitosa, lontani dalle violenze più tremende che rubano la loro infanzia, accompagnati nel loro percorso scolastico, dalle elementari all’università.

Prete di frontiera Don Rito mentre svolge il suo servizio in Italia segue la sua missione in Colombia. Fino allo scorso anno è stato parroco a Ventimiglia, in una zona periferica della città di confine dove ha accolto i migranti nella chiesa di Sant’Antonio. Insieme con la Caritas e tanti volontari ha avviato il “Confine Solidale”, un centro per accogliere le persone in transito, provenienti da situazioni disperate che cercano in Europa un futuro lontano da guerre, carestie, ingiustizie e povertà. Molti di loro sono in Italia solo di passaggio e in attesa di ricongiungersi all’estero con i loro parenti. E grazie a don Rito, i profughi respinti al confine hanno trovato sostentamento, umanità e un’accoglienza dignitosa. Il parroco non ha mai esitato a ospitarli all’interno di due chiese di Roverino, offrendo loro il vitto e l’alloggio necessari.

In questi anni la maggior parte della comunità ligure e oltre confine ha imparato ad apprezzare il suo dinamismo e la sua solidarietà anche se, per pochi, è un “prete scomodo” proprio per la sua disponibilità all’accoglienza che gli ha procurato, addirittura, due minacce di morte, purtroppo, anche in Colombia. Ben tre lettere minatorie sono state recapitate, tra il 2017 e il 2018, a Don Rito, probabilmente ad opera della stessa mano. Tutte e tre le missive facevano riferimento all’ospitalità che il prete colombiano offriva ai migranti nella sua parrocchia; sono cifre importanti, circa 10.000 persone accolte in due anni, specialmente donne e bambini. A seguito di questa situazione di tensione il parroco, dall’agosto 2018, ed è stato trasferito “in montagna” nella zona che comprende le tre parrocchie di San Biagio, Soldano e Perinaldo.

Ma la sua testimonianza di fede è un faro per tanti come si legge nelle motivazioni del premio Agesci Liguria consegnato pochi giorni fa a “Don Rito Alvarez per aver testimoniato con le sue opere il valore dell’accoglienza senza se e senza ma. Con il suo magistero ha portato il suo esempio e mostrato la via a tutti i giovani scout che si sono recati nei territori di Ventimiglia per servire gli ultimi”.

Un parroco che interpreta appieno lo spirito di quella Chiesa in uscita, voluta dal Pontefice, con il quale ha in comune non solo le origini sudamericane ma anche un entusiasmo straordinario e la voglia di stare accanto alle persone più deboli con coraggio e concretezza.

Le Offerte per i Sacerdoti

La “missione” di sacerdoti come don Rito è resa possibile anche grazie alle Offerte per i sacerdoti, diverse da tutte le altre forme di contributo a favore della Chiesa cattolica, perché espressamente destinate al sostentamento dei preti diocesani.

Dal proprio parroco al più lontano. Ogni fedele è chiamato a parteciparvi, a titolo personale o della propria famiglia. L’Offerta è nata come strumento di comunione tra sacerdoti e popolo di Dio e delle parrocchie tra loro. Per dare alle comunità più piccole gli stessi mezzi di quelle più popolose, nel quadro della ‘Chiesa-comunione’ delineata dal Concilio Vaticano II.

Nel 2018 sono state raccolte 98.927 Offerte, per un totale di 8.801.301,17 euro. Queste concorrono a rendere possibile la remunerazione mensile dei 30.985 sacerdoti secolari e religiosi a servizio delle 224 diocesi italiane e dei 2.956 sacerdoti che, per ragioni di età o di salute, sono in previdenza integrativa. Sono sostenuti così anche circa 400 sacerdoti impegnati nelle missioni nei Paesi in via di sviluppo come fidei donum. Il contributo è deducibile fino ad un massimo di 1.032,91 euro l’anno.

Le donazioni vanno ad integrare la quota destinata alla remunerazione del parroco proveniente dalla raccolta dell’obolo in chiesa. Ogni curato infatti può trattenere dalla cassa parrocchiale una piccola cifra (quota capitaria) per il suo sostentamento, pari a circa 7 centesimi al mese per abitante. In questo modo, nella maggior parte delle parrocchie italiane, che contano meno di 5 mila abitanti, ai parroci mancherebbe il necessario. Le Offerte e l’8xmille vengono allora in aiuto alla quota capitaria.

L’8xmille oggi è strumento ben noto e non costa nulla di più ai fedeli. Le Offerte invece sono un passo ulteriore nella partecipazione: comportano un piccolo esborso in più, ma indicano una scelta di vita ecclesiale. Tuttora le Offerte coprono circa l’1,8% del fabbisogno e per remunerare il clero diocesano bisogna ancora far riferimento all’8xmille. Ma il loro significato indica un’ulteriore consapevolezza e partecipazione alla vita di tutte le comunità italiane, oltre che della propria. I contributi versati vengono inviati all’Istituto centrale sostentamento clero di Roma, che li distribuisce equamente tra i preti diocesani. Assicura così una remunerazione mensile che va dagli 870 euro netti al mese per un sacerdote appena ordinato, fino ai 1.354 euro per un vescovo ai limiti della pensione.