Home Spettacolo Spettacolo Savona

Domani sera al Chiabrera di Savona Il Barbiere di Siviglia

0
CONDIVIDI
Il Barbiere di Siviglia

SAVONA. 2 NOV. L’ Opera Giocosa di Savona presenterà domani sera (inizio ore 20) la seconda delle tre sue nuove produzioni per la stagione autunnale 2018. Si tratta del debutto de “Il Barbiere di Siviglia” di Giocchino Rossini.

“ Dopo “La modista raggiratrice” di Giovanni Paisiello- ci ha spiegato lo stesso presidente dell’ Ente musicale Giovanni Di Stefano- “Il Barbiere di Siviglia” di Rossini prosegue la trilogia di nuove produzioni della Giocosa che si chiuderà con l’ “Histoire du Soldat”di Igor Stravinsky”. Il Barbiere di Siviglia, che è un melodramma buffo, vedrà la presenza dell’ Orchestra della Fondazione Teatro Carlo Felice di Genova diretta da Aldo Sisillo e dal Coro del Teatro dell’Opera Giocosa di Savona diretto da Gianluca Ascheri.

“Rossini -prosegue Di Stefano- è tradizionalmente contrapposto a Paisiello, una competizione che abbiamo pensato idealmente di far rivivere sul palco del Chiabrera, in questa nuova produzione del Teatro dell’Opera Giocosa immediatamente successiva alla Modista raggiratrice”.

L’allestimento, che è stato realizzato nel 150esimo anniversario della morte del compositore pesarese, vede il debutto della regista Stefania Panighini. Gli interpreti sono Manuel Amati (il Conte d’Almaviva), Matteo Peirone (Don Bartolo), Aurora Faggioli (Rosina), Enrico Maria Marabelli (Figaro), Alejandro Lopez (Don Basilio), Simona Di Capua (Berta), Giulio Ceccarelli (Fiorello) e Riccardo Montemezzi (Un Ufficiale).La prima esecuzione avvenne il 20 febbraio 1816 al Teatro Argentina di Roma. Tratto alla commedia omonima di Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais, su libretto di Cesare Sterbini, il Barbiere in questa nuova produzione vedrà impegnati trenta studenti liceali.

“C’è grande attesa- spiega Adalberto Guzzinati, giornalista e critico musicale- soprattutto per la coraggiosa scelta registica della Panighini che ha coinvolto un gruppo di ragazzi provenienti dai licei “Grassi” di Savona e “San Giuseppe Calasanzio” di Carcare, che saranno in scena come mimi, nella speranza di offrire un’immagine di grande energia integrata nell’ impostazione scenica dello spettacolo. Questa seconda nuova produzione stagionale della Giocosa fa parte di un intrigante ed interessante cartellone, che propone coraggiosi ed inconsueti abbinamenti. Del resto la benemerita savonese “Giocosa” è un ente musicale che non dimentica mai le sue origini e la sua storia. La sua nascita infatti la voleva appunto creata appositamente per portare al grande pubblico in particolare quei titoli dimenticati, buffi, rari o speciali”.
La Stagione dell’Opera Giocosa viene realizzata grazie al contributo del MiBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), della Regione Liguria (Assessorato alla Comunicazione, Formazione, Politiche giovanili e culturali), il sostegno di Fondazione De Mari, Unione Industriali di Savona, Camera di Commercio Riviere di Liguria, la sponsorizzazione di Coop Liguria, Costa Crociere, Banco di Sardegna.
CLAUDIO ALMANZI