Home Politica Politica Genova

Dl Salvini, Bucci schierato col ministro. Consiglieri leghisti: orgogliosi del nostro sindaco

0
CONDIVIDI
Genova, ministro Salvini e sindaco Bucci (foto di repertorio)

“Disobbedire alla legge. La minoranza Pd, ormai priva di qualsivoglia idea politica, oggi sfila in piazza a Genova insieme a Sinistra Italiana, Radicali, Rete a Sinistra/Liberamente Liguria e associazioni di area come Arci e Legacoop, per chiedere l’apertura dei porti ai migranti illegali e protestare contro il Decreto Salvini, convertito in legge dal Parlamento e quindi promulgata dal presidente della Repubblica.

La nuova norma su sicurezza e immigrazione non solo detta regole di buon senso e coerenti, ma pone anche un freno al business dell’immigrazione che ha arricchito le tasche di pochi a discapito di molti italiani.

In realtà, come riconosciuto anche dai sindaci che non sono del Pd o dell’estrema sinistra, la legge mette finalmente ordine nel disordine dell’immigrazione incontrollata”.

E’ la sintesi di quanto hanno riferito oggi i consiglieri comunali della Lega, che si sono schierati a sostegno del ministro dell’Interno Matteo Salvini e del sindaco Marco Bucci, il quale, insieme ad altri primi cittadini, ha sottoscritto l’appello di dissenso rispetto alle prese di posizione espresse dai vertici di sinistra che governano l’Associazione nazionale dei Comuni italiani (Anci).

Pd e sinistra contro Salvini e Bucci schierato col ministro. Unità ritrovata per i migranti

“Con queste azioni di disturbo – hanno sottolineato i consiglieri comunali genovesi – il Pd sta dimostrando di non perdere occasione per difendere a spada tratta il caos da loro creato quando erano al governo.

Perché con la stessa solerzia, negli anni di governo Monti, Letta, Renzi e Gentiloni, il centrosinistra non ha mai protestato per i milioni di italiani da loro ridotti in povertà? Forse perché da essi non c’era da trarre un profitto economico?

Siamo orgogliosi che il nostro sindaco, Marco Bucci, abbia firmato l’appello dei sindaci all’Anci in difesa del decreto Salvini”.