Home Politica Politica Genova

Disastro Mit e autostrade, FI: manifestazione a Roma perché non è questione locale

0
CONDIVIDI
Disastro Mit e autostrade, manifestazione di Forza Italia a Roma

Si è svolta ieri a Roma, in piazza di Monte Citorio, la manifestazione promossa da Forza Italia Liguria in collaborazione con il gruppo parlamentare del partito alla Camera “per chiedere al Governo di porre fine con la massima urgenza alla situazione di grave disagio sulla rete autostradale ligure, dovuta al piano di chiusure e manutenzioni delle gallerie”.

Alla presenza della delegazione di amministratori locali, dirigenti e militanti liguri di Forza Italia, giunti a Roma in pullman, sono intervenuti il vicepresidente del partito, Antonio Tajani, il senatore Maurizio Gasparri, il coordinatore regionale Carlo Bagnasco, i deputati liguri Roberto Bagnasco, Roberto Cassinelli e Giorgio Mulè.

Presenti anche il responsabile infrastrutture Alessandro Cattaneo, la coordinatrice di Azzurro Donna Catia Polidori, i deputati Erica Mazzetti e Raffaele Nevi.

“Abbiamo fatto sentire forte e chiara la nostra voce – hanno dichiarato gli esponenti di Forza Italia – a fronte di una situazione insostenibile, che ha causato e sta causando pesantissimi danni alla Liguria e alla sua economia, tanto più in un periodo turistico come l’attuale, senza dimenticare le difficoltà create ai mezzi di soccorso che percorrono l’autostrada.

Il Governo deve dare quelle risposte certe che fino ad oggi, di rinvio in rinvio, sono mancate.

Abbiamo scelto di manifestare a Roma perché il problema del blocco della Liguria non è una questione locale, ma una questione nazionale, che ha ripercussioni sull’intera rete viaria e sull’intera economia d’Italia.

Chiediamo ed auspichiamo che entro l’inizio del mese di agosto si torni ad una situazione di normalità, perché così non si può più andare avanti.

Sarebbe un segnale importante se il 3 agosto, giorno dell’inaugurazione del nuovo Ponte di Genova San Giorgio, vi fosse anche la piena percorribilità di tutta la rete regionale”.