Home Politica Politica Genova

Caos autostrade e traffico in tilt a Genova? Salvatore: soluzione è il trasporto pubblico

0
CONDIVIDI
Alice Salvatore (M5S) con premier Giuseppe Conte (foto di repertorio fb)

“La situazione delle autostrade e della
incomprensibile gestione pessima da parte di Aspi sta rendendo
impossibile muoversi in tutta la nostra regione. Questo blocco, dopo la
tragedia appena passata del Covid19, sta massacrando l’economia di
tutto il comparto turismo e produzione, senza parlare del piccolo
commercio”.

Lo ha dichiarato oggi la capogruppo regionale Alice Salvatore (ilBuonsenso).

“Da questa grave limitazione appare chiaro ciò che diciamo da molti
anni: il trasporto pubblico è la via maestra per dare respiro a tutti
i liguri – ha aggiunto Salvatore –
le autostrade liguri, come sappiamo sono anche spesso usate come vere
e proprie ‘tangenziali’ e bretelle di scorrimento per il traffico
interno.

Questo intasa ulteriormente il passaggio che viene utilizzato
dalle migliaia di mezzi pesanti che vanno e vengono dal porto e
dall’incipiente turismo in arrivo.

La soluzione autostradale è assolutamente lontana dall’arrivare, sia
per incompetenza del gestore che dalla completa mancanza di intervento
regionale e governativo. A farne le spese i cittadini.

La soluzione trasporto pubblico invece sarebbe immediata.

Rinforzare davvero il servizio di trasporto pubblico, bus e treni è possibile.

Ri-tracciare quelle corsie gialle che sono state tolte nel recente
passato e preparare quelle che sono previste nel PUMS e pianificate
dagli uffici comunali per consentire l’aumento della velocità
commerciale dei bus e quindi aver più servizio a parità di costo.

Il servizio treni potrebbe benissimo essere aumentato e rimodernato
per dare grande appoggio a tutto il servizio di pendolarismo e
supportare in modo serio i treni ‘turistici’.

Non fosse altro per il contratto molto svantaggioso per l’utenza che la Regione Liguria ha
regalato a Trenitalia. Nuove corse e orari ampliati garantirebbero un
appoggio concreto per tutto l’uso locale e intracomunale che ora viene
scaricato sulle autostrade e sulle strade in genere, che con un
servizio pubblico più efficiente invece si svuoterebbero.

I bus, invece di ridurre le corse con l’orario estivo, dovrebbero
aumentarle o triplicarle per aiutare chiunque voglia spostarsi a farlo
bene e presto; oltretutto sarebbe un dovere farlo anche solo per
evitare i sovraffollamenti coronavirus che si verificano nelle
maggiori corse.

Le risorse economiche ci sono e servono a risolvere la situazione ora.
Se l’obiettivo non è giocare sulla pelle dei liguri con lo
scaricabarile tra Regione e Governo, si può risolvere in breve tempo.
Manca la volontà politica della Regione.

Ci batteremo in questi giorni su tutto il territorio e tramite il
consiglio regionale per arrivare ad una soluzione. Ora, subito”.