Home Politica Politica Mondo

Boris Johnson ricoverato in ospedale per il coronavirus

0
CONDIVIDI
Boris Johnson ricoverato in ospedale per il coronavirus

Il 55enne premier inglese Boris Johnson è stato ricoverato in un ospedale di Londra “in via precauzionale” per essere sottoposto ad alcuni “esami medici”, 10 giorni dopo essere risultato positivo al coronavirus.

Lo ha riferito ieri l’emittente televisiva BBC.

Il premier britannico ha avuto in questi giorni sempre gli stessi sintomi, ovvero febbre e tosse con il problema che potrebbe diventare serio in quanto al premier britannico è stato diagnosticato il virus dieci giorni fa e da allora Johnson non ha mostrato alcun segno di miglioramento.

Così il suo medico ha predisposto dall’auto isolamento al numero 11 di Downing Street, all’ospedale.

Il premier britannico Boris Johnson contagiato dal Covid-19 | Video

AGGIORNAMENTO.

Una portavoce di Boris Johnson ha riferito che il premier è in ospedale ed è reattivo. Poi, lui, stesso,  tramite Twitter ha scritto: “Ieri sera, su consiglio del mio dottore, sono andato in ospedale per alcuni test di routine poiché sto ancora riscontrando i sintomi del coronavirus. Sono di buon umore e mi tengo in contatto con la mia squadra, mentre lavoriamo insieme per combattere questo virus e proteggere tutti. Vorrei ringraziare tutto il brillante personale del SSN che si prende cura di me e degli altri in questo momento difficile. Sei il migliore della Gran Bretagna”.

Gli auguri di Trump. Il presidente degli Usa Donald Trump, ha fatto gli auguri di pronta guarigione al premier britannico.

“Penso che Boris Johnson si rimetterà presto, sono fiducioso”. Poi ha aggiunto: “Boris è un mio amico, è un gran signore e un grande leader. Sono sicuro della sua guarigione e che tutto andrà bene”.

La regina Elisabetta

Proprio ieri sera mentre Johnson veniva ricoverato la quasi 94enne regina Elisabetta aveva mandato un messaggio straordinario alla nazione, il quinto, nella sua vita, trasmesso in televisione dal castello di Windsor, nel quale aveva invitato i britannici ad essere forti e dar prova di autodisciplina: “Vi parlo in un tempo che so essere di crescente difficoltà. Un tempo di sconvolgimento nella vita del nostro Paese che ha portato dolore ad alcuni, problemi economici a molti ed grossi cambiamenti nella vita quotidiana”.