Home Consumatori Consumatori Genova

Bogliasco: la sorgente naturale o frizzante ma non troppo

0
CONDIVIDI
Bogliasco: la sorgente naturale o frizzante ma non troppo

Naturale, leggermente frizzante o frizzante queste sono le tre opportunità di acqua che si può bere a Bogliasco. In città grazie alla nuova casetta, installata in via Cavour, a pochi passi dalla piscina “Gianni Vassallo” è possibile scegliere secondo i propri gusti quale acqua bere, aiutando l’ambiente e aiutando anche il portafogli.

La scelta è tutta dell’utente che, a monte di una spesa che oscilla tra i 5 e i 10 centesimi al litro, oppure grazie a una scheda prepagata del valore di 5 o 7 euro acquistabile presso la Pro Loco, può optare per tre differenti modalità di gasatura dell’acqua.

«Un ottimo modo per rispettare il territorio limitando l’uso delle plastiche monouso, considerato anche il fatto di come i costi siano decisamente contenuti per l’utente che decide di raggiungere la casetta e ricaricare le proprie bottiglie – Filippo Crosio, assessore all’Ambiente del Comune di Bogliasco, non ha dubbi – Grazie a questo distributore, installato dalla Bieffe Consulting che ringraziamo, si ha la possibilità di avere una sorgente d’acqua tutta bogliaschina e a chilometro zero».

Il progetto di una Bogliasco sempre più ecologica e attenta sì alle politiche ambientali, ma anche alle esigenze di tutti i residenti, prosegue. «Questa – conclude Crosio – è solo una delle tante iniziative green che l’Amministrazione ha voluto e attuato, presto ne verranno presentate delle altre. Queste misure, rivolte alla tutela di tutti i bogliaschini, sono necessarie per la vita di tutti i giorni e per garantire un paese migliore ai nostri figli». ABov