Home Politica Politica Genova

1° Maggio, manifestazioni vietate: Lotta Comunista appende striscione e bandiere

0
CONDIVIDI
1° Maggio, manifestazioni vietate: Lotta Comunista appende striscione e bandiere

La Prefettura di Genova ha vietato ogni manifestazione per la ricorrenza del 1° Maggio e, questa volta, vale per tutti: niente corteo del Primo Maggio per i militanti di Lotta Comunista che tradizionalmente terminava col comizio all’Acquasola.

I militanti di Lotta Comunista hanno quindi diffuso l’appello a partecipare comunque alla Festa del Lavoro, anche attraverso il coinvolgimento dei circoli operai, appendendo sul balcone una bandiera rossa.

Presso la sede di Genova centro, in via Archimede, è stato appeso un grosso striscione lungo il palazzo.

Dall’altra parte politica, non risulta che sia stata organizzata la parata e la tradizionale posa della corona di fiori presso i giardini Brignole sul viale dedicato al militante dell’Msi Ugo Venturini, ucciso 50 anni fa durante il comizio di Giorgio Almirante.

Restrizioni coronavirus non fermano celebrazioni 25 aprile in piazza. Decine a Genova

Plinio e Bornacin: domani non sanzionare chi deporrà fiori in ricordo di Ugo Venturini