Home Cronaca Cronaca Genova

Uccise a coltellate la compagna, 16 anni con le attenuanti: disperazione e delusione

0
CONDIVIDI
Javier Pareja Gamboa (foto Fb)

Lo si legge nelle motivazioni della sentenza

Una motivazione di sentenza che farà sicuramente discutere quella del Tribunale di Genova riguardo la riduzione di pena, da 30 anni come aveva richesto il pm a 16, inflitta ad un uomo che aveva ucciso la compagna a coltellate dopo aver scoperto che non aveva mantenuto la promessa di lasciare l’amante.

Parliamo della pena inflitta a Javier Napoleon Pareja Gamboa, l’operaio ecuadoriano di 52 anni che nell’aprile del 2018 uccise la moglie Jenny Angela Coello Reyes, 46 anni, nel loro appartamento di via Fillak, a Rivarolo.

Il pm aveva chiesto una pena di 30 anni per Gamboa che aveva ucciso la compagna colpendola con diverse coltellate al petto dopo aver scoperto che ‘non aveva mantenuto la promessa di lasciare l’amante’.

Il giudice, per questo, ha concesso le attenuanti generiche e lo ha condannato a 16 anni.

Sulla riduzione di pena pesa senz’altro il rito abbreviato ma nella motivazione della sentenza si legge che l’uomo ha colpito perché mosso “da un misto di rabbia e di disperazione, profonda delusione e risentimento” e non “sotto la spinta di un moto di gelosia fine a sé stesso, per l’incapacità di accettare che la moglie potesse preferirgli un altro uomo, ma come reazione al comportamento della donna, del tutto incoerente e contraddittorio, che l’ha illuso e disilluso nello stesso tempo”.

Il figlio della coppia e i parenti avendo ricevuto il risarcimento non possono impugnare la sentenza; mentre la procura e la difesa dell’omicida non hanno presentato ricorso.

A tale proposito la deputata della Lega Barbara Saltamartini ha commentato: “A pochi giorni dalla sentenza di Bologna, anche a Genova la ‘tempesta emotiva’ diventa un’attenuante in una condanna per omicidio di una donna. E’ una follia. Il delitto d’onore dovrebbe essere morto e sepolto, ma in alcuni tribunali c’è un corto circuito che di fatto lo sta riesumando. Delusioni e gelosie non possono e non devono mai contribuire a ridurre la pena a chi ha ucciso la moglie o la compagna, a maggior ragione se con crudele ferocia”.

Uccise a coltellate la moglie a casa, ecuadoriano condannato a 16 anni

Moglie uccisa in via Fillak, pm chiede 30 anni di reclusione per il marito ecuadoriano

L’ho uccisa perché mi tradiva: il marito ecuadoriano preso a Voltri

 

Via Fillak dove è avvenuto l’omicidio