Home Cultura Cultura Genova

Riqualificazione di Calata Vignoso grazie alla promozione territoriale

0
CONDIVIDI
Riqualificazione di Calata Vignoso grazie alla promozione territoriale, soddisfazione dell’Associazione Pescatori Liguri per la decisione
Riqualificazione di Calata Vignoso grazie alla promozione territoriale, soddisfazione dell’Associazione Pescatori Liguri per la decisione

Riqualificazione di Calata Vignoso grazie alla promozione territoriale, soddisfazione dell’Associazione Pescatori Liguri per la decisione

Riqualificazione di Calata Vignoso grazie alla promozione territoriale, “Apprendiamo con soddisfazione l’esito della mozione presentata ieri in consiglio comunale dal Consigliere della Lega Alessio Bevilacqua e accolta all’unanimità da tutta la giunta, grazie alla quale il Comune, in sinergia con il Municipio Centro Est e le realtà della zona, si è impegnato a sostenere la realizzazione di una serie di eventi per contribuire a far diventare calata Vignoso sempre più sicura e attrattiva per residenti e turisti”.

Questo il commento di Luca Dalpian e Paolo Campocci, Presidente e Direttore di Coldiretti Genova, e Daniela Borriello, Responsabile di Coldiretti Impresa Pesca Liguria e Presidente dell’Associazione Pescatori Liguri, concessionaria della banchina dei pescatori di Calata Vignoso.

“A Calata Vignoso – continua Borriello – un presidio fisso non è fattibile, ma la zona deve essere riqualificata e messa in sicurezza. La stessa riqualificazione parte dalla sicurezza e riguarda in maniera più ampia tutta la zona del centro storico in cui si trovano il molo e il mercato del pesce.

In questo senso, l’approvazione all’unanimità della mozione proposta dal Consigliere Bevilacqua ci fa ben sperare. Dal canto nostro, come Associazione Pescatori Liguri, in continua e proficua collaborazione con altre realtà del territorio, in questi mesi abbiamo già lavorato su diverse progettualità da mettere in campo su tutta l’area della Darsena. Speriamo che in questo modo i nostri pescatori e tutti i soggetti coinvolti possano tornare a vivere e a lavorare serenamente”.