Home Hi-Tech Hi-Tech Italia

Posta elettronica certificata: a cosa serve e quali vantaggi offre

0
CONDIVIDI
Pec - Posta elettronica Certificata

La PEC, ovvero la Posta Elettronica Certificata, è uno strumento sempre più utile, non solo per coloro che operano nel mercato come professionisti ed aziende, ma anche per i cittadini.

Ad oggi infatti la PEC mail è l’unico strumento utilizzabile per usufruire dei vantaggi del cosiddetto domicilio digitale, ovvero il luogo non fisico dove poter ricevere tutte le comunicazioni poste in essere dalla pubblica amministrazione. La PEC rappresenta un tassello fondamentale della digitalizzazione che in questi anni ha interessato l’attività della Pubblica Amministrazione. L’importanza della stessa inoltre è comprovata anche dal regime sanzionatorio attualmente previsto nel nostro ordinamento giuridico, qualora le imprese o i professionisti non dovessero possedere una propria casella di posta elettronica certificata, rischiano pene pecuniarie fino ad euro 2000.

Secondo recenti calcoli pare che circa il 40% delle caselle di posta elettroniche attive sono utilizzate dai cittadini, il che prova ulteriormente quanto sia vantaggioso utilizzarla, a prescindere dalla propria attività lavorativa.

A cosa serve la PEC

Attivare una PEC email significa possedere uno strumento di comunicazione estremamente certo e sicuro.  Non a caso le mail inviate a mezzo PEC possiedono un vero e proprio valore legale, così come la tradizionale raccomandata con relata di notifica. Tutto questo significa che le mail in questione sono suscettibili di essere giuridicamente apprezzabili visto che consentono la cosiddetta opponibilità verso terzi dell’avvenuto recepimento della stessa. Il valore legale delle stesse è sancito in modo puntuale del Decreto del Presidente della Repubblica n. 68 dell’11 Febbraio 2005.

I soggetti obbligati a possedere una posta elettronica certificata

Nel nostro Paese esiste un vero e proprio obbligo di possedere una email PEC nei confronti di determinati soggetti ovvero coloro che sono obbligati ad essere iscritti nel registro delle imprese e i professionisti iscritti ad elenchi ed albi. Si pensi agli avvocati ad esempio, anche costoro infatti sono obbligati ad avere la propria PEC per svolgere la propria attività. Quest’ultima, inoltre è altresì obbligatoria nell’ambito degli scambi documentali previsti nell’alveo dei processi telematici. Questo non significa però che solo chi possiede una determinata qualifica o solo chi svolge una determinata attività sia obbligato ad avere una email PEC, anche il privato cittadino infatti in alcuni casi è obbligato a possederne una. Si pensi ad esempio ai concorsi pubblici, si pensi alla richiesta di informazioni alla Pubblica Amministrazione, oppure allo scambio di informazioni con l’Agenzia delle entrate.

Come si attiva una casella di Posta Elettronica Certificata

Attivare la propria casella di posta elettronica certificata è molto semplice, in giro per il web infatti esistono svariati siti sui quali è possibile scegliere ed attivare la propria casella. Ovviamente prima di ottenere la propria PEC, è necessario stipulare un vero e proprio contratto e pagare il prezzo previsto per l’attivazione. Una volta attivata la casella di posta elettronica sarà possibile utilizzarla per dodici mesi (a seconda del pacchetto sottoscritto) dopodiché si è liberi di rinnovarla pagando nuovamente il prezzo, oppure è possibile scegliere un’altra versione, magari più capiente (o viceversa), oppure è possibile non rinnovarla ed eliminarla definitivamente.