Home Spettacolo Spettacolo La Spezia

La Spezia, Odissea un racconto mediterraneo di Teatro Pubblico

0
CONDIVIDI
La Spezia, Odissea un racconto mediterraneo di Teatro Pubblico

Sabato 18 luglio ad Ameglia (SP) per Sipario mare, Paolo Rossi ne, La maga Circe in Odissea un racconto mediterraneo di Teatro Pubblico

Sabato 18 luglio 2020 Necropoli pre romana di Cafaggio Ameglia

PAOLO ROSSI

LA MAGA CIRCE

Odissea un racconto mediterraneo, canto X

Progetto e regia di Sergio Maifredi

Produzione Teatro Pubblico Ligure

Ad Ameglia (La Spezia) sabato 18 luglio (ore 21.30) prende il via “Sipario mare. I borghi raccontano”, rassegna ideata e diretta da Sergio Maifredi per Teatro Pubblico Ligure e STAR – Sistema Teatro Antichi Romani, con il sostegno del Comune di Ameglia e della Regione Liguria attraverso Teatro Pubblico Ligure, con la collaborazione della Direzione Regionale Musei della Liguria. Nella necropoli preromana di Cafaggio, Paolo Rossi è il protagonista di La Maga Circe, cantore di uno dei racconti del progetto Odissea un racconto mediterraneo. L’ingresso è libero, regolato dalle norme sanitarie vigenti.

Paolo Rossi rilegge a suo modo uno dei personaggi più affascinanti dell’Odissea, la Maga Circe, protagonista del X canto. Riportare all’originaria narrazione orale i testi fondativi della cultura occidentale è stato l’assunto su il direttore artistico e regista Sergio Maifredi ha ideato Odissea un racconto mediterraneo, prodotto da Teatro Pubblico Ligure. Il dio Eolo ha dato a Odisseo l’otre che imprigiona i vènti contrari al ritorno ad Itaca. I compagni di Odisseo aprono l’otre, i vènti si scatenano e i marinai sono in balìa del mare per nove giorni. I giganti Lestrigoni massacrano parte dei compagni di Odisseo, indi finalmente giungono all’isola di Circe. La bella dea trasforma gli uomini in porci facendo loro scordare il ritorno. Odisseo riuscirà a liberare i suoi compagni ed a riprendere il viaggio. Paolo Rossi trova infiniti spunti da questo canto per chiosare ogni suo pensiero sulle donne di Omero e non solo. La sua lettura sa restituirci anfratti dell’Odissea che altrimenti rischiano di perdersi, fagocitati dall’insieme.

———————————————————–

La rassegna “Sipario mare – I borghi raccontano” prosegue con Capitani Coraggiosi. «La grande letteratura di mare – spiega Maifredi – in un viaggio a tappe, come scali di una rotta attraverso gli oceani. Marinai, naufraghi, esploratori attratti dal folle volo come acrobati di uno spettacolo che ha come teatro il mare, come chapiteau il firmamento per dare voce ai protagonisti, in un racconto orale di avventure antiche quanto l’uomo». Sabato 25 luglio alla Rotonda Lungofiume di Fiumaretta, Giuseppe Cederna presenta L’isola del tesoro tratto dall’omonimo romanzo di Stevenson, un’avventura senza tempo. Cederna è accompagnato da Gianluca Campi, campione mondiale di fisarmonica, musicista e virtuoso conosciuto in tutto il mondo che non ha mai dimenticato le sue radici liguri ed è legato alla cittadina di cui è originario, la vicina Sesta Godano. Sabato 15 agosto alla Villa Romana di Bocca di Magra, sarà invece David Riondino a condurre il pubblico al cospetto del Corsaro Nero, splendida storia uscita dalla penna di Emilio Salgari. Tra i due Capitani Coraggiosi, si insinuano le Chitarre corsare di Niccolò Paganini, Pasquale Taraffo, Giuseppe Mazzini e Fabrizio De Andrè, quattro straordinarie storie di genovesi virtuosi e ribelli, tra cui un uomo politico come Mazzini la cui chitarra è conservata al Museo Mazziniano di Genova, che hanno ispirato lo spettacolo in forma di concerto interpretato da Fabrizio Giudice (chitarra), Andrea Nicolini (voce e fisarmonica), Gianluca Nicolini (flauto traverso), in scena sabato 8 agosto in piazza XXIII dicembre a Fiumaretta. La regia è di Sergio Maifredi e la produzione di Teatro Pubblico Ligure.

Sipario mare. I borghi raccontano è prodotta da Teatro Pubblico Ligure con il sostegno del Comune di Ameglia e il contributo della Regione Liguria attraverso Teatro Pubblico Ligure. Il progetto fa parte della rete STAR – Sistema Teatri Romani Antichi.

Per informazioni: tel. 0187 609209, www.viviameglia.it, Facebook Viviameglia, turismo@comune.ameglia.sp.it

Ulteriori informazioni su www.teatropubblicoligure.it

PROSSIMI SPETTACOLI

SABATO 25 LUGLIO – Ore 21.30

Fiumaretta, Rotonda Lungofiume

GIUSEPPE CEDERNA

Capitani Coraggiosi

L’ISOLA DEL TESORO

Dal romanzo di Robert Louis Stevenson

Alla fisarmonica GIANLUCA CAMPI

Progetto e regia Sergio Maifredi

Produzione Teatro Pubblico Ligure

Il romanzo che nel 1883 assicurò di colpo la fama a uno Stevenson poco più che trentenne è ancor oggi tra i suoi libri più amati. Perfetto modello del racconto d’avventura, è un’avvincente storia di lupi di mare, capitani di lungo corso, pirati e ammutinamenti: una caccia al tesoro in mari lontani scatenata dal ritrovamento tra le carte di un vecchio marinaio della mappa di una misteriosa isola dove una banda di filibustieri ha sepolto un favoloso bottino. Per il ritmo incalzante con cui si susseguono i colpi di scena e per i suoi indimenticabili personaggi – dal giovane Jim Hawkins, che da semplice mozzo diventa l’intrepido protagonista della spedizione, al feroce e leggendario pirata Long John Silver, entrato di diritto nell’immaginario romanzesco tanto da essere ancora dopo secoli oggetto di colte e appassionate rivisitazioni – «L’isola del tesoro» è una di quelle rare opere che soddisfano sia la sete di avventura dei ragazzi, per i quali fu pensata e scritta, sia il gusto raffinato dei lettori adulti che conquista col suo inimitabile stile narrativo. Giuseppe Cederna e Sergio Maifredi intrecciano il racconto di Stevenson con la vita dello scrittore, avventurosa quanto i suoi romanzi, in un gioco di specchi che ci riflette in un labirinto tra avventura reale e letteraria.

SABATO 8 AGOSTO – Ore 21.30

Montemarcello, piazza XIII dicembre

CHITARRE CORSARE

PAGANINI – TARAFFO – MAZZINI – DE ANDRE’

Spettacolo teatrale in forma di concerto

Progetto e regia di Sergio Maifredi

Produzione Teatro Pubblico Ligure

Con Fabrizio Giudice (chitarra)

Andrea Nicolini (voce e fisarmonica)

Gianluca Nicolini (flauto traverso)

Quattro grandi nomi di artisti nati in Liguria e due punti in comune: la chitarra e le vite avventurose, “corsare” appunto. Lo spettacolo porta in scena un interessante backstage delle esistenze movimentate di artisti che ci raccontano con i loro testi e con le loro chitarre la Liguria e il mondo da loro attraversato.

Ed ecco De André, per i vicoli di Genova, a vivere una movida ante litteram con il suo amico “Paolo”, Paolo Villaggio; ecco il racconto delle valli svizzere e dei canti delle mandriane di Mazzini, che scrive per chitarra dall’esilio, mentre cerca di fare l’Italia; ecco Paganini che si diverte a comporre per chitarra un unico brano, proposto nello spettacolo, mentre si esercita a diventare il più grande violinista di tutti i tempi. E infine Taraffo che naviga sui transatlantici e, sconosciuto in terra natia, diventa famoso oltre oceano, come è successo e succede a tanti liguri ed italiani.

Uno spettacolo in forma di concerto sulla vita, le vicende, le musiche, le parole di quattro tra i più grandi liguri conosciuti nel mondo: Paganini, Mazzini, Taraffo e De André.

Lo spettacolo ha debuttato nel 2009 negli “Scali a mare” di Pieve Ligure (GE), ha proseguito nei più noti scenari all’aperto della Liguria, in pinacoteche e musei ed è stato proposto a Berlino come spettacolo testimonial per la cultura italiana e ligure.

SABATO 15 AGOSTO – Ore 21.30

Villa romana di Bocca di Magra

DAVID RIONDINO

Capitani Coraggiosi

IL CORSARO NERO

Dal romanzo di Emilio Salgari

Progetto e regia di Sergio Maifredi

Produzione Teatro Pubblico Ligure

Pallido, sempre vestito di nero, il Cavaliere di Roccabruna, Signore di Ventimiglia, divenuto corsaro per vendicare il fratello ucciso a tradimento dal duca Wan Guld, al soldo degli spagnoli, è uno dei personaggi più celebri del romanzo d’avventura italiano. Abbordaggi, battaglie, duelli, ma anche l’amore che colpisce in modo inaspettato. David Riondino e Sergio Maifredi ce lo restituiscono come una ballata, un racconto da ascoltare a voce alta, una saga fantastica.