Home Cronaca Cronaca La Spezia

La Spezia, Croce Rossa: un giovane su 3 con tasso alcolemico sopra limite

0
CONDIVIDI
La Spezia, Croce Rossa: un giovane su tre con tasso alcolemico sopra il limite
La Spezia, Croce Rossa: un giovane su tre con tasso alcolemico sopra il limite

Più di un giovane su tre durante le serate della movida in centro città aveva un tasso alcolemico superiore al limite consentito dalla legge per potersi mettere alla guida (pari a 0,5 g/l).

È quanto emerge dalle prime sette fasi di attività della Croce Rossa della Spezia nell’ambito del progetto “Saturday night live”, finanziato per il secondo anno consecutivo dal Sindacato nazionale degli agenti di assicurazione. L’obiettivo è quello di sensibilizzare i ragazzi ad un comportamento sicuro quando sono alla guida di un mezzo, in modo da evitare incidenti che talvolta possono rivelarsi fatali.

In questa fase sono stati 1.021 in totale i giovani che si sono sottoposti volontariamente ad alcoltest gratuiti e hanno risposto a questionari sui rischi dell’assunzione di alcol prima di mettersi alla guida, eseguendo anche un test specifico per verificare la prontezza dei riflessi dopo l’assunzione di bevande alcoliche.

Sono stati distribuiti gratuitamente anche degli alcoltest monouso utilizzabili liberamente per controllare il proprio tasso alcolemico prima di guidare.

Nelle prossime settimane i volontari della Croce Rossa hanno in programma altre tre uscite durante le serate della movida nel centro storico.

Tra i giovani che si sono sottoposti ad alcoltest, il 24% presentava un tasso alcolemico pari a zero, il 23% inferiore a 0.30 g/l e il 19% tra 0.30 e 0.50 g/l.

Sopra il limite consentito per mettersi su strada (che per i neopatentati e i minori di 21 anni è invece fissato a 0 g/l) sono risultati invece i restanti ragazzi: più nello specifico il 16% aveva un tasso compreso tra 0.50 e 0.80 g/l e infine il restante 18% superiore a 0.80 g/l.

Il 12,5% dei ragazzi testati aveva meno di 18 anni, il 72,8% tra i 18 e i 25 anni, il 9,8% dai 26 ai 35 anni e il restante 4,9% più di 36 anni.