Home Cultura Cultura Savona

L’ ingauno Bolia vince il Premio di poesia Piemonte

Vincenzo Bolia ha vinto un riconoscimento al Premio di poesia "Piemont c'ha scrv". A Torino è stato premiato nel Palazzo della Regione insieme a Nicolino Romano di Garessio

0
CONDIVIDI
Bolia (a sin) con un altro premiato Nicolino Romano di Garessio

SAVONA. 3 OTT. Il giornalista albenganese Vincenzo Bolia ha vinto un importante premio letterario che gli è stato consegnato a Torino dal Centro Studi Cultura e Società che organizza, da sei anni, questo evento. La cerimonia si è svolta nel Palazzo del Consiglio Regionale del Piemonte, nella splendida Sala Viglione. La poesia premiata era intitolata: “ Là non ci sarò”.
Fra i premiati anche il poeta Nicolino Romano di Garessio.

Per Bolia si tratta dell’ ennesimo riconoscimento letterario per la sua passione che da sempre è rivolta oltre che alla scrittura, alla poesia dialettale ed a quella in lingua. Bolia ha ottenuto negli anni numerosi premi e riconoscimenti per le sue liriche. L’ evento, che è stato organizzato da una importante associazione culturale piemontese, con il patrocino della Regione Piemonte, della Città Metropolitana di Torino e di numerosi Comuni piemontesi, ha avuto un grande successo ed ha visto la partecipazione di concorrenti di tutte le età.

Vincenzo Bolia, è nato e vive in Liguria ad Albenga. Collabora dal marzo 2002 con Sportmedia e con il “Decimonono” di Genova ed è, dal gennaio 2007, direttore responsabile della validissima testata giornalistica on line di informazione Liguria 2000 News.
Dopo alcune significative e gratificanti esperienze come autore di testi di canzoni, nel luglio 1977 è stato uno dei fondatori dell’emittente ‘Radio Onda Ligure 101’ dove ha iniziato l’attività giornalistica con la trasmissione “Musica, Sport e…”, passando poi alla carta stampata attraverso le collaborazioni con vari quotidiani e testate tra cui lo storico quotidiano genovese Il Lavoro (1981).

Cultore del dialetto ligure, in particolare di quello albenganese, nel marzo 1978 è stato tra i soci fondatori dell’Associazione “Veggia Arbenga”, sodalizio culturale che si propone la tutela del dialetto e delle tradizioni ingaune.
Ha pubblicato diversi libri di poesia, in lingua e dialetto, tra i quali: Fantasie e Realtà (Editore Gabrieli, Roma, 1978), Pensieri… parole (Editrice Montedit, Melegnano, 2009), Pensceṛi… paṛolle (Editrice Montedit, Melegnano, 2010), Poêxîe in zenéize de Zêna (Nuova Editrice Genovese, Genova, 2010), Liguria e altre poesie (Nuova Editrice Genovese, Genova, 2010).
CLAUDIO ALMANZI