Home Cultura Cultura Genova

Il progetto europeo Reconect, parte da Portofino

0
CONDIVIDI
Parco di Portofino

Parte da Portofino il progetto europeo Reconect, per la mitigazione del rischio geo-idrologico con soluzioni “nature-based”. Il 26-27-28 settembre, nella cornice di Portofino, si tiene il meeting di apertura del progetto Reconect, co-finanziato dal programma europeo per la ricerca e l’innovazione “Horizon 2020” e coordinato dall’Unesco-Ihe di Delft (Olanda).

Le organizzazioni partecipanti sono 36, 19 paesi coinvolti a livello mondiale, 16 siti pilota (di cui 10 dimostratori e 6 collaboratori), circa 15 milioni di euro di budget: sono questi i numeri di Reconect, il cui obiettivo è dimostrare l’applicabilità, l’efficacia e la replicabilità di soluzioni basate sulla natura (Nature Based Solutions) per la mitigazione del rischio geo-idrologico in aree e paesaggi rurali.

La Liguria partecipa al progetto con un sito pilota nel Parco di Portofino, per il quale sono previsti interventi con tecniche naturali di stabilizzazione dei versanti, di ripristino dei terrazzamenti, di sistemazione dei sentieri e di riforestazione, in particolare nei bacini di San Fruttuoso e Paraggi. È inoltre prevista l’installazione di alcune centraline meteo nel parco, i cui dati si integrano in un complesso sistema tecnologico, messo a punto dal progetto, per il monitoraggio e la valutazione dell’efficacia degli interventi nature-based.

Durante il meeting di apertura è previsto un sopralluogo a San Fruttuoso per illustrare agli oltre 70 partecipanti, inclusi alcuni rappresentati della Commissione Europea, le tipologie di interventi previsti in Reconect in relazione alle problematiche del territorio. Tre sono le organizzazioni italiane coinvolte nel progetto e nelle attività del sito pilota di Portofino: l’Ente Parco di Portofino, quale soggetto istituzionale e beneficiario degli interventi di mitigazione del rischio, il Gisig di Genova, incaricato del coordinamento tecnico delle attività nel sito pilota e della comunicazione di progetto, e il Cnr-Irpi di Torino, affiancato dal DiStav dell’Università di Genova, in veste di partner scientifico ed esperto delle problematiche territoriali.

Reconect, che è partito il 1° settembre, ha una durata di 5 anni e, oltre alle attività in campo, prevede l’organizzazione di tavoli di co-progettazione con coinvolgimento dei principali stakeholders locali, e di eventi pubblici di informazione scientifica e formazione. Risultato finale di Reconect sarà la pubblicazione e diffusione, in Europa e nel mondo di una “Roadmap per le Nature Based Solutions”, vale a dire un documento di indirizzo per innovare la gestione e la mitigazione del rischio geo-idrologico attraverso l’utilizzo di tecnologie naturali.

La roadmap di Reconect dimostrerà l’applicabilità e l’efficacia delle Nature Based Solutions in un regime di cambiamento climatico attraverso la condivisione di esperienze e di buone pratiche derivate dalle attività progettuali e nei siti pilota. Per maggiori informazioni  si può consultare il sito web: www.reconect.eu, Facebook: Reconect Project Team di lavoro (tenico):  Ente Parco Portofino: Alberto Girani Gisig: Alessandra Marchese, Silvia Gorni, Giorgio Saio Cnr-Irpi: Fabio Luino, Laura Turconi, Guido Paliaga Università di Genova – DiStav: Francesco Faccini