Home Spettacolo Spettacolo Genova

Il figlio della tempesta, suggestione, teatro e musica al Duse

0
CONDIVIDI
Il figlio della tempesta, suggestione, teatro e musica al Duse

Non è uno spettacolo tradizionale, nè solo un concerto questo atteso “Figlio della tempesta”.

Il pianista e compositore Andrea Salvadori e Armando Punzo, attore, autore e regista, hanno creato sinergicamente, una drammaturgia composita e suggestiva, fatta di suoni, luci e immagini.

Un susseguirsi incalzante di musiche, parole e visioni che proiettano lo spettatore in un fantastico itinerario che rielabora l’intero universo iconografico ed emozionale della Compagnia della Fortezza.

Il napoletano Armando Punzo si trasferisce in Toscana a metà anni ’80 e dal 1988 comincia a lavorare con i detenuti del carcere di Volterra.

Nasce così la Compagnia della Fortezza, uno dei primi progetti italiani di teatro in carcere. Alla direzione della Compagnia Punzo crea decine di spettacoli, tra cui i pluripremiati Marat-Sade di Peter Weiss, I Negri di Jean Genet.

Da anni gli spettacoli della Compagnia della Fortezza sono in tournée nei più importanti teatri e festival, ricevendo consensi da addetti ai lavori e dal pubblico.

Andrea Salvadori, è anche sound designer e produttore discografico e fautore di una continua ricerca sul suono e sulla musica all’interno della drammaturgia di opere complesse. L’inclinazione alla sperimentazione e alla scrittura per immagini lo hanno condotto  naturalmente  al teatro.

Insieme a loro Aniello Arena che, dopo essersi formato nei laboratori di Punzo, ha trovato un suo percorso teatrale e cinematografico con ruoli importanti in due film di Matteo Garrone e gli attori della  Fortezza.

La nuova  performance musicale in cui si uniscono le doti visionarie di un regista come Armando Punzo e la sensibilità compositiva di Andrea Salvadori (premio Ubu 2018 per il miglior progetto sonoro) è anche un’occasione propizia per celebrare il trentennale di attività della Compagnia della Fortezza, nata  come Laboratorio Teatrale nella Casa di Reclusione di Volterra e divenuto in questi anni un riferimento nazionale per l’attività teatrale con i detenuti.

Lo spettacolo costituisce il secondo appuntamento della Rassegna di Teatro Civile “Voci dell’Arca” curata dall’Associazione genovese Teatro Necessario Onlus ed è in scena il 16 aprile alle ore 20,30 al teatro Duse.

EliP