Home Politica Politica Genova

Giovani Lega al vetriolo contro Arci: troppa politica, non rappresenta mondo giovanile

0
CONDIVIDI
L'europarlamentare spezzino Brando Benifei (Pd) al congresso Arci Liguria 2018

“La giunta regionale, su proposta dell’assessore al Terzo Settore Sonia Viale, ha dato il via libera all’erogazione delle risorse (900mila euro)  stanziate a livello nazionale per il sostegno al mondo del volontariato e dell’associazionismo. Le risorse sono state stanziate a favore di disabili, anziani e giovani.

Da quanto si è appreso dai media, pare che i 300mila euro destinati al mondo giovanile non saranno erogati perché il mondo dell’associazionismo giovanile ha scelto come capofila dell’associazione temporanea di scopo ‘Arci Liguria’ che avrebbe depositato un progetto non conforme, privo dei requisiti minimi previsti, rendendo di fatto impossibile procedere allo sviluppo delle iniziative. Motivo per il quale Regione Liguria si è trovata costretta a non ammettere la domanda relativa ai progetti per il disagio giovanile”.

Lo hanno dichiarato i responsabili dei giovani della Lega in una “nota al vetriolo” contro Arci Liguria.

Anziani e disabili, finanziati 110 enti liguri. Progetto Arci scartato: mancano requisiti

“Prima di tutto come giovani e successivamente come giovani della Lega – hanno aggiunto – non ci sentiamo minimamente rappresentati da Arci, storicamente emblema dell’associazionismo di sinistra nella nostra regione.

Dispiace, però, che alla politicizzazione delle associazioni si abbini anche l’inadeguatezza e la presunzione di non partecipare in modo corretto ai bandi, a maggior ragione quando determinate associazioni attingono a fondi pubblici per fare politica.

L’associazionismo deve fare associazionismo e lasciare da parte la politica, perché questa volta a farne le spese sono stati i giovani in generale, non Arci Liguria singolarmente.

Per ciò che concerne anziani e disabili apprendiamo con gioia che i fondi stanziati verranno erogati. In Arci invece, che rappresenta un mondo politico che non ha più consensi, evidentemente erano più impegnati a far politica che non a fare il lavoro al quale erano stati deputati bruciando, di fatto, i 300mila euro destinati al mondo dei giovani.

L’assessore Sonia Viale fa sapere che la Regione valuterà il prossimo anno se riattivare questo filone. Come Lega Giovani ce lo auguriamo, e siamo sicuri che Regione Liguria, ancora una volta, saprà dare le giuste risposte”.