Home Spettacolo Spettacolo Genova

Federico Sirianni al Sipario Strappato di Arenzano

0
CONDIVIDI
Federico Sirianni al Sipario Strappato di Arenzano

Il Sipario Strappato di Arenzano inaugura la stagione con Federico Sirianni nel segno di Giorgio Gaber

Sabato 5 ottobre 2019 alle ore 21 presso il Sipario Strappato di Arenzano (via Marconi 165) va in scena il primo spettacolo della nuova stagione teatrale, “Qualcuno era comunista – Omaggio a Giorgio Gaber” con Federico Sirianni e i musicisti del Teatro Canzone, patrocinato dalla Fondazione Gaber.

“Qualcuno era comunista” è il titolo di un celeberrimo monologo di Giorgio Gaber, rappresentato per la prima volta nello spettacolo “Il teatro canzone” nel 1991. Il percorso artistico di Federico Sirianni, pluripremiato cantautore genovese, nasce proprio assistendo, giovanissimo, agli spettacoli di Gaber, al quale è legato da un filo strano e sottile, avendo lavorato in più di un’occasione, nel corso del suo lavoro artistico, con alcuni suoi storici collaboratori: Gianpiero Alloisio, Arturo Brachetti e i musicisti del teatro-canzone.

«Con questo spettacolo – racconta Sirianni – cerco di ripercorrere alcuni pezzi di storia dello straordinario artista milanese scegliendo, tra le canzoni e i monologhi, quelli più significativi in ciò che veniva definito, in quegli anni belli e difficili, ‘il politico e il personale’. Un omaggio pieno di passione e rispetto per uno dei più straordinari uomini di spettacolo del Novecento italiano».

Lo spettacolo vede sul palco Federico Sirianni accompagnato dai musicisti “originali” del Teatro Canzone di Giorgio Gaber: Gianni Martini (chitarra), Claudio De Mattei (basso) e LuigiCampoccia (tastiere).

Federico Sirianni, cantautore genovese, è stato adottato da Torino in età adulta. Ospite al Premio Tenco giovanissimo, nel 1993, vince in seguito il Premio Recanati della Critica (2004), il Premio Bindi (2006) e il Premio Lunezia Doc (2010). Ha pubblicato quattro dischi e il libro/disco “ L’uomo equilibrista”. Il disco “Nella prossima vita” (2013) realizzato insieme agli GnuQuartet è stato definito da molti critici “il disco italiano più bello dell’anno” mentre l’ultima produzione discografica, “Il Santo” (2016), ha ricevuto la Menzione Speciale del Club Tenco per la manifestazione Musica contro le mafie. È autore musicale e attore per il Teatro della Tosse di Genova, ha insegnato Songwriting alla Scuola Holden di Torino ed è Tutor per il progetto della Regione Liguria “Cantautori nelle scuole».