Home Sport Sport Genova

Entella, Borra: Piangersi addosso non serve

0
CONDIVIDI

“Dobbiamo ripartire immediatamente”, pensieri e parole di Daniele Borra. Il giorno dopo la sconfitta contro il Lecce, il portiere biancoceleste ha fatto il punto della situazione evidenziando come la squadra per un’ora abbia tenuto testa a uno dei collettivi più forti del campionato ma poi, anche complice l’inferiorità numerica, nel finale si sia arresa alla forza dei salentini.

 

“Perdere fa sempre male”, commenta Borra, “Ci abbiamo provato, ma purtroppo dopo il terzo gol non c’è stato più niente da fare. Non voglio trovare alibi, la forza del Lecce la conoscevamo tutti e avremmo dovuto gestire meglio alcune fasi della partita. Peccato perchè credo che la squadra abbia fatto un buon primo tempo e forse, l’errore che non dovevamo commettere, è stato quello di subire  gol a freddo a inizio ripresa. Chiaramente dopo il rigore la nostra partita, purtroppo, è finita. Adesso, però, non dobbiamo assolutamente piangerci addosso. La sconfitta fa male, ma sabato si torna in campo e dobbiamo assolutamente vincere. Perdere 5 a 1 non dà un vantaggio ai nostri prossimi avversari, quindi, dobbiamo meditare sugli errori, analizzarli e ripartire immediatamente. Contro il Venezia dobbiamo mettere in campo tutta la rabbia sportiva che stiamo accumulando per cercare in ogni modo di portare a casa i primi 3 punti del campionato. Non dobbiamo essere disfattisti, il risultato di ieri è giusto, ma troppo severo. Delle cose buone si sono viste, e da lì dobbiamo ripartire per fare una grande partita sabato. In quest’inizio di campionato siamo sempre scesi in campo con la giusta voglia, a volte le cose vanno come ti aspetti, altre meno. La forza di un gruppo, però, deve essere quella di non mollare mai e di pensare che c’è sempre un’altra possibilità. Siamo tutti arrabbiati per quanto accaduto, ma fin dal triplice fischio, abbiamo spostato la nostra attenzione a sabato. Ci attende una settimana molto tosta, nella quale dovremmo mettere a posto diverse cose, ma il gruppo è sano e sono sicuro che tutti insieme reagiremo alla grande”.