Home Cronaca Cronaca Savona

Enpa: rispetto per i rettili, non sono sempre vipere

0
CONDIVIDI

Con la riapertura delle seconde case in riviera i proprietari le trovano spesso abitate da animali selvatici, che si sono avvicinati alle città anche a causa del distanziamento sociale per il Covid 19.

Nei giardini delle ville si trovano anche innocui rettili che a volte, in violazione delle leggi che li tutelano, vengono uccisi.

Ma spesso i proprietari degli immobili sono persone corrette e sensibili e, dopo avere telefonato ad uffici pubblici senza aver avuto risposte, si rivolgono alla Protezione Animali per sapere se si tratta di vipere.

Una scheda sulle caratteristiche della vipera a sinistra e su quelle di un serpente

E’ accaduto nei giorni scorsi a Spotorno, dove l’abitante di una villa ha inviato all’Enpa un filmato con il rettile.

Ll’associazione pur tra mille altri impegni, si è messa in contatto con gli esperti del Museo di storia naturale di Genova ed ha avuto la conferma che si tratta di una coronella, innocuo serpentello che caccia di lucertole, topi ed orbettini; ed ha informato i turisti preoccupati ma rispettosi.

L’Enpa lancia quindi un appello per il rispetto dei rettili; si tratta quasi sempre di soggetti non pericolosi, tra i quali figurano anche biacchi, colubri di Esculapio, lacertini, natrici.

La coratella trovata a Spotorno

E’ inoltre molto difficile che una vipera si avvicini alle case, essendo una specie molto selvatica e timorosa, che preferisce vivere in boschi e campagne isolate, e quando percepisce a distanza la pressione sul suolo dei passi di qualche escursionista, si allontana prima ancora di essere vista.