Home Cronaca Cronaca Savona

Azienda Villanova coltivava cannabis light ma con Thc superiore

0
CONDIVIDI
Carabinieri e piante di marijuana (foto d'archivio)

Carabinieri denunciano titolari per spaccio

I carabinieri di Alassio hanno denunciato i titolari di un’azienda agricola di Villanova d’Albenga, la cui attività era quella di coltivare la cannabis light, con l’accusa di produzione e traffico illecito di sostanze stupefacenti.

Da una ricostruzione effettuata dai militari l’azienda in realtà produceva piante con principio attivo superiore a quello consentito per poi fare attività di spaccio.

Si tratta dell’operazione ‘Green Country’, le cui indagini erano iniziate del novembre 2019 e portate a termine nel gennaio 2020 dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Alassio, comandati dal maggiore Massimo Ferrari.

I militari hanno controllato le aziende del territorio della piana di Albenga attive nella coltivazione e produzione della cannabis light, scoprendo che in una di queste aziende una parte della cannabis aveva una Thc doppia o tripla rispetto al limite stabilito dalla legge.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, che hanno sequestrato circa 34 kg di marijuana, il tutto veniva effettuato con finalità di spaccio.