Home Cultura Cultura Genova

Approvato piano di restauro parchi di Nervi

0
CONDIVIDI

La giunta approva un piano di restauro e valorizzazione dei parchi di nervi per una spesa di 1.300.000 euro

Su proposta dell’assessore al Bilancio, Lavori Pubblici, Manutenzioni, Verde Pubblico, Pietro Piciocchi, la Giunta ha approvato il “Progetto di fattibilità tecnico ed economica del Restauro e Valorizzazione dei Parchi di Nervi”, con l’obiettivo di riportare al loro antico splendore le ville Serra, Grimaldi e Gropallo, per un importo pari a 1.375.000 euro.

Le caratteristiche dell’intervento, nel rispetto del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio del 2004, consiste nella conservazione e recupero dell’impianto storico e dei caratteri scenografici dei parchi, attraverso la ricostruzione dei quadri visivi, la creazione delle quinte vegetali, il reinserimento degli elementi o dei gruppi isolati di alberi, il recupero o reinserimento di siepi e di vegetazione tappezzante delle aree ombrose e la riqualificazione dei prati.

Il piano dei lavori è stato suddiviso in cinque fasi che consistono nella messa in sicurezza di tutte le alberature, la ricostituzione della fascia vegetata lato mare e il restauro dei tre parchi, a partire da Villa Grimaldi.

“Si conclude il percorso amministrativo – ha detto l’assessore Piciocchi – iniziato lo scorso anno quando in Giunta abbiamo deliberato di procedere, su ispirazione della Carta del restauro dei giardini storici, al restyling e alla valorizzazione delle ville Serra, Grimaldi e Gropallo. Si tratta di un importante polo di attrazione turistica nazionale e internazionale per la nostra città che, dopo Euroflora e il Festival Internazionale di Nervi, intendiamo continuare a rilanciare, rendendo i parchi, in sinergia con il polo museale, sempre più accoglienti e belli. Mi piace sottolineare che questa iniziativa si inserisce in un’azione di più ampia valorizzazione del verde e dei parchi cittadini, che sarà un fondamentale punto dell’Assessorato fino al termine di questo ciclo amministrativo”.