Home Spettacolo Spettacolo Genova

Al Teatro sociale di Camogli, Capitani coraggiosi

0
CONDIVIDI
Al Teatro sociale di Camogli, Capitani coraggiosi

Un viaggio a tappe, come scali di una rotta attraverso gli oceani, esploratori attratti dal folle volo come acrobati di uno spettacolo che ha come teatro il mare e come chapiteau il firmamento

Un progetto di Sergio Maifredi, realizzato con il patrocinio della Accademia Italiana della Marina Mercantile, in collaborazione con l’Istituto Nautico San Giorgio di Genova e Camogli. Dal 10 gennaio al 3 aprile, comincia un nuovo viaggio attraverso la grande letteratura del mare, in cui riflettere l’immagine e la storia di una terra affacciata sul mare e che al mare ha dato tanti capitani coraggiosi. Con la partecipazione di Gian Luca Favetto,Björn Larsson, Roberto Alinghieri (Il vecchio e il mare), Igor Chierici e Luca Cicolella (Ernest Shackleton l’eroe dei mari) e Massimo Minella (La Leggenda del Rex. Dal Nastro Azzurro A Fellini). Un omaggio ai naviganti che hanno fatto la storia della città e voluto nell’800 la costruzione del Teatro Sociale. Primo capitolo di un percorso che il Teatro Pubblico Ligure continuerà nel prossimo futuro con nuovi titoli e nuovi ospiti.

“Spiega Sergio Maifredi”il nostro progetto dà voce ai protagonisti, in un racconto orale di avventure antiche quanto l’uomo. Dal 2011 sto lavorando sui grandi racconti da condividere a voce alta (penso a Odissea un racconto mediterraneo, come a Decameron un racconto italiano in tempo di peste). La letteratura del mare è fatta di grandi storie, da condividere, raccontate dai marinai a terra, raccontate a bordo. Nel caso specifico di Camogli, ho voluto individuare un filone narrativo coerente con il luogo. Calando una mia ricerca ed esigenza artistica in un contesto in cui tutto, il Teatro compreso, parla di mare.”

Venerdì 10 Gennaio

Ore 19.30 (Ridotto) – L’Isola del tesoro di Robert Louis Stevenson / La vera storia del pirata Long John Silverdi Björn Larsson. Raccontati da Gian Luca Favetto e Björn Larsson (Ingresso libero)

Ore 21.00 (Teatro) – IL VECCHIO E IL MARE di Ernest Hemingway. Musica di Dimitri Tiomkin (Premio Oscar 1959). Diretto e interpretato da Roberto Alinghieri. Con Ensemble Hemingway: Giuseppe Bruno – Pianoforte e Direzione / Bruno Fiorentini – Flauto / Valentina Renesto – Sax alto, voce / Francesca Simonelli – Sax tenore, sax baritono / Valerio Giannarelli – Violino / Danilo Grandi – Contrabbasso

 

Ad occhi chiusi, di fronte al mare, saremo tutti il vecchio Santiago, il vecchio che parla da solo, che racconta la sua lotta contro i propri limiti e le proprie paure; saremo tutti sulla sua barca, in mezzo all’oceano. Il mare come luogo di sfida, di riflessione obbligatoria e profonda. L’uomo ha un arpione, il pesce spada ha una spada… Il pesce spada è un pesce nobile, non è uno squalo e la nobiltà dello scontro si misura ad ogni strappo dell’animale, ad ogni giro di lenza… Un racconto semplice, la storia di un vecchio, di un ragazzo che lo aspetta, che vinca o che perda, per imparare da lui, di un marlin e di squali: una storia al limite della morte. Il capolavoro di Hemingway, nel 1959, con il film interpretato da Spencer Tracy, vinse il premo Oscar per le musiche. Il grande Dimitri Tiomkin, autore delle più belle colonne sonore dagli anni ‘30 agli anni ‘60, compose le musiche che facevano da contrappunto efficace ai silenzi del mare e agli stati d’animo evocati da Hemingway. Uno spettacolo, con un grande attore e 6 musicisti, che ripercorre l’intero romanzo e le sue drammatiche sfumature nella storica traduzione di Fernanda Pivano e le musiche tratte dalla colonna sonora del celebre film.