Home Cultura Cultura Genova

A S. Michele di Pagana tornano tre opere del Maragliano

0
CONDIVIDI
Un'opera del Maragliano, prima e dopo il restauro

Tornano a splendere, da domenica 13 maggio, tre delle più belle sculture lignee di Anton Maria Maragliano, uno dei più conosciuti e apprezzati scultori in legno del Settecento.

L’appuntamento è per il 13 maggio alle ore 16, presso la Chiesa Parrocchiale di San Michele di Pagana, che ospita tra l’altro un van Dyck, dove verrà presentato il restauro di tre sculture in legno risalenti al XVIII secolo, create dal celebre scultore ligure Anton Maria Maragliano (1664-1739) e dalla sua bottega.

Le opere oggetto del restauro, conservate nella chiesa parrocchiale del comune rapallese dedicata all’ Arcangelo Michele, sono il Cristo Crocifisso posto al di sopra dell’altar maggiore, la Madonna con Bambino, collocata nell’apposita nicchia sopra l’altare della cappella di destra, e la statua di Sant’Orsola che si trova a sinistra dell’ingresso della chiesa.

Le operazioni di restauro, durate 12 mesi e da poco concluse, sono state possibili grazie al finanziamento, pari al 60% dei costi, concesso dalla Compagnia di San Paolo a seguito del bando “La grande scuola di A. M. Maragliano”. Hanno contribuito inoltre generosi benefattori locali, il Lions Club di Rapallo e l’amministrazione comunale. Tutte le operazioni di restauro sono state effettuate con la supervisione della dottoressa Alessandra Cabella della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Liguria

Nell’occasione il coro “Francesco Veniero” di Torino, composto da circa 40 elementi, terrà un concerto di musica sacra, interpretando le opere di alcuni fra maggiori interpreti come J. Arcadelt – J.S. Bach – W.A. Mozart – G. Rossini – P.D.M. Stella – G. Verdi – A. Vivaldi.

Un’opera del Maragliano, prima e dopo il restauro