Home Cronaca Cronaca Genova

Violenza sessuale per strada su 16enne, marocchino condannato a 2 anni: libero

42
CONDIVIDI
La giudice genovese Silvia Carpanini (foto d'archivio)

L’aveva seguita di sera mentre tornava a casa. Un giorno come tanti, sul passaggio pedonale del ponte di Caperana in via Parma a Chiavari. Poi si era avvicinato troppo, l’aveva bloccata e aveva cominciato a toccarla ovunque, palpeggiandola nelle parti intime. Per la vittima di appena 16 anni una vera e propria violenza sessuale. Un incubo.

Solo la pronta reazione della minorenne lo aveva fatto desistere. Perché era riuscita a divincolarsi e, nonostante in quel momento non ci fosse nessuno nelle vicinanze, era riuscita comunque a scappare via in stato di forte choc.

Poi insieme ai genitori aveva denunciato i fatti ai carabinieri.


Dopo circa un mese, la vittima aveva incontrato per caso a Chiavari il marocchino 38enne che l’aveva aggredita e, coraggiosamente, lo aveva indicato a due agenti della polizia municipale che insieme ai carabinieri lo avevano acchiappato.

L’aggressione sessuale risale al gennaio scorso.

Ieri in Tribunale a Genova il nordafricano è stato condannato dal collegio giudicante (presidente Silvia Carpanini) a soli due anni di reclusione per violenza sessuale su minore aggravata. Mai rimpatriato e lasciato sempre libero. FGraf

 

42 COMMENTI

  1. Secondo lei non meritava almeno 7 anni ci carcere!? … È colpa di questi giudici che sono come i dottori in ospedale pieni di problemi personali e incapaci … Poi se lei come donna le sembra giusto così non discuto.

  2. Cosa significa questo? Serve ancora denunciare? Meglio difendersi da soli? Rischiando una denuncia da parte dell’aggressore? Ormai siamo soli, nessuno ci difende e i delinquenti di qualsiasi razza, religione e nazionalità imperano!!!!!

  3. si sa che x la giustizia italiani le donne non contano niente e i criminali sono protetti se continua il dilagare della criminalita la dobbiamo alle leggi sulla giustizia e a chi le applica con disinvoltura

  4. “Mai rimpatriato e lasciato sempre libero” Questa vergogna continua a cui siamo ormai abituati deve smettere. Sono arrivati centinaia di migliaia di criminali, pazzi,violentatori e certamente centinaia di terroristi, pedofili,clandestini.Questo deve finire.Basta con politici ,giudici che dalle loro gabbie dorate pontificano la tolleranza ,questi delinquenti vanno espulsi subito e se con famiglia anche la famiglia

  5. stiamo alimentando attraverso i giudici i preti la sinistra una cultura dello stupro.“Radici culturali alimentano la “cultura dello stupro”, come la divisione tra maschi e femmine, la pessima considerazione della donna, gli abusi .Tutto questo non solo è in determinate aree di incivilta’ umana nel mondo, ma lo permettiamo anche nel nostro mondo.Reagiamo al silenzio corrotto vile delle femministe false ipocrite, reagiamo contro politici intellettuali giudici apripista di questa infamia

  6. QUESTI MAGISTRATI FANNO CAGARE, CON DUE ANNI IN GALERA NON CI SI VA’, PER CIO’ IL MAROCCHINO PUO’ TRANQUILLAMENTE VIOLENTARE NUOVAMENTE E QUESTO CON IL BENESTARE DI QUESTI GIUDICI.,

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here