Home Cronaca Cronaca Italia

Vaccini Covid, studio Centro universitario di Genova su necessità terza dose

0
CONDIVIDI
S. Martino di Genova, vaccino anti Covid (foto di repertorio)

Uno studio multicentrico per valutare la risposta anticorpale prodotta dall’organismo dopo la vaccinazione anti Covid è in atto da parte di sei centri universitari-ospedalieri a Palermo, Genova, Foggia, Roma, Milano, Bologna e Padova, nell’ambito di un’attività di ricerca inserita nel Piano nazionale della vaccinazione contro il coronavirus.

Lo studio, hanno riferito i responsabili dell’Uoc di Epidemiologia Clinica con Registro Tumori della Provincia di Palermo,  serve per poter disporre nel tempo di una informazione verificata sulla necessità o meno di una terza dose.

La ricerca prevista dal ministero della Salute e dall’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), con la quale l’Istituto superiore di sanità (Iss) ha ricevuto la delega “a lavorare per indirizzare nel modo migliore l’andamento della futura vaccinazione anti Covid, ha l’obiettivo di mettere insieme i risultati di tutti i centri e comprendere, sulla base degli esiti, se sia necessaria una terza dose e con che tempistica”.

Il campione complessivo prevede 3000 persone. Una volta aderito allo studio vengono sottoposte a quattro diversi prelievi: prima della vaccinazione, a distanza di un mese, a sei mesi e a 12 mesi.

La fase analitica dello studio sarà centralizzata presso i laboratori dell’Istituto Superiore di Sanità.

“Per quanto attiene la nostra realtà – ha riferito il prof. Restivo, uno dei coordinatori dello studio – fino a questo momento abbiamo evidenziato come circa un 10% dei soggetti avesse contratto il coronavirus, ma ciò è avvenuto in modo inconsapevole.

Entro la fine dell’estate contiamo di poter avere a livello complessivo i risultati preliminari per poter così disporre delle informazioni che servono per valutare la possibilità di una terza dose, probabilmente da somministrare nel periodo autunnale-invernale.

Uno dei valori aggiunti di questa ricerca risiede nell’ulteriore analisi, svolta in una sottopopolazione delle persone reclutate – volta a ricercare la presenza o meno dell’immunità cellulo-mediata.

Si tratta delle cosiddette ‘cellule della memoria’.

Il vaccino, infatti, non determina solo la produzione di anticorpi, ma anche di linfociti B della memoria.

Può succedere che persino i soggetti che hanno assenza di anticorpi circolanti risultino protetti, proprio perché in possesso di queste cellule della memoria che, se riattivate dal contatto con il virus, riescono a produrre anticorpi fornendo una protezione.

Ulteriore aspetto di cui comunque si dovrà tenere conto è quello delle varianti, tema che potrebbero comportare evoluzioni ulteriori”.