Home Consumatori Consumatori Genova

Torna a Genova la mostra mercato Sapori al Ducale

0
CONDIVIDI
Torna a Genova la mostra mercato Sapori al Ducale

Sabato 10 e Domenica 11 Ottobre in Piazza Matteotti a Genova torna la mostra-mercato Sapori al Ducale

Sabato 10 e Domenica 11 Ottobre, dalle ore 10.00 alle 20.00, ritorna in Piazza Matteotti la mostra-mercato Sapori al Ducale, evento che ogni mese valorizza e promuove le eccellenze del territorio, per accrescere la cultura del buono e la conoscenza delle tradizioni regionali.

Ottobre rappresenta l’ingresso nell’autunno e porta i primi sapori di stagione come il tartufo fresco e i funghi in diverse preparazioni.

Saranno presenti anche prodotti locali come olio, olive taggiasche in salamoia, pesto, conserve ittiche a base di acciughe sottosale e sott’olio.

Da diverse regioni italiane sfizi come il cioccolato artigianale, prodotti di pasticceria secca da unire a infusi e spezie, ma anche liquirizia in tutti i modi per i più golosi.
Non mancheranno i classici della tavola quotidiana come formaggi emiliani, sardi e piemontesi da accompagnare ai vini del Roero e del Monferrato.

Torna a Genova la mostra mercato Sapori al Ducale

«Sapori al Ducale – afferma Fabio Bongiorni, presidente dell’Associazione Nazionale La Compagnia dei Sapori – è un’iniziativa culturale che vuole stimolare e mantenere viva nella popolazione il desiderio di approfondire la nostra grande tradizione alimentare e culinaria. La bella stagione rappresenta il momento migliore per aggirarsi tra i banchi di un mercatino, conoscere e farsi consigliare da artigiani del gusto, assaggiare e scegliere materie prime e prodotti d’eccellenza».

La manifestazione Sapori al Ducale, nata su iniziativa del Comune di Genova, è curata dall’Associazione Nazionale La Compagnia dei Sapori, che dal 2004 sostiene e promuove il lavoro di persone che producono e valorizzano cibo di qualità: aziende agricole, imprese artigiane, Enti e consorzi, che rappresentano un’unica filiera integrata del gusto e che fanno della qualità, del legame con il territorio e delle lavorazioni tradizionali il proprio criterio operativo.