Home Cronaca Cronaca Genova

Tempo di bilanci per la Polizia Stradale in Liguria

0
CONDIVIDI
Moto della polizia stradale (foto di repertorio)

La Polizia Stradale della Liguria oggi ha diffuso il bilancio dell’attività del 2018.

Con 12336 pattuglie di vigilanza stradale, gli agenti hanno accertato 29062 infrazioni al codice della strada, ritirato 1000 patenti di guida e 1303 carte di circolazione, decurtato 40488 punti dalle patenti.

Vittime ed incidenti stradali.

L’andamento del “fenomeno infortunistico” rilevato dalla  Polizia Stradale al 31 dicembre 2018, ha fatto registrare, rispetto al 2017, un significativo decremento nel numero complessivo degli incidenti (2617, -11%) e un calo di quello delle persone ferite (1258, -15%).

Relativamente all’incidentalità con conseguenze mortali, è stato registrato un deciso decremento dei sinistri del 30% (11, quindi 6 in meno) e purtroppo una rilevante crescita del numero di vittime (tra i 49 deceduti – 31 in più del 2017 – sono comprese le 43 vittime del crollo del ponte Morandi a Genova).

Un termine di confronto è offerto dalle statistiche ISTAT a livello nazionale che, nella stima preliminare dei primi sei mesi dell’anno 2018 (dati Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Polizia Municipale), ha rilevato, rispetto al primo semestre del 2017, un decremento degli incidenti stradali con lesioni a persone del 3%, una diminuzione del numero delle persone ferite del 3% ed una diminuzione delle vittime pari all’8%.

“La sicurezza della mobilità – hanno spiegato i vertici del Compartimento Polstrada della Liguria – rappresenta una priorità per la Polizia di Stato che, con la Specialità Polizia Stradale, è da sempre alla ricerca di soluzioni avanzate in termini di tecnologia, procedure e modelli operativi, per garantire servizi più efficaci di prevenzione e di controllo”.

Controlli della velocità media con i sistemi Tutor e Vergilius.

L’utilizzo del Tutor, articolato sulle tratte A/7, A/10 e A/26, ha consentito di accertare, in tutto il 2018, 12225 violazioni dei limiti di velocità.

Contrasto della guida sotto l’effetto di alcool e di sostanze stupefacenti.

Nel 2018 è proseguita la campagna straordinaria di controllo sulle condizioni psicofisiche dei conducenti di veicoli, con l’impiego congiunto della Polizia Stradale e dei medici e personale sanitario della Polizia di Stato, per l’accertamento sui conducenti di veicoli dell’assunzione di alcool e di sostanze stupefacenti.

Complessivamente sono stati attivati (al 18 novembre 2018 ) 832 posti di controllo, con l’impiego di 4.869 operatori della Polizia Stradale e 1.278 tra medici e personale sanitario della Polizia di Stato.

I conducenti controllati sono stati 34.362, di cui 2.229 (pari al 6,5%) sono risultati positivi all’alcol test con un tasso alcolemico superiore a 0,5 g/1.

Inoltre, 537 automobilisti (pari al 1,6%) sono risultati positivi a una o più sostanze stupefacenti.

Per queste persone (oltre al ritiro cautelare della patente, previsto dal C.d.S.) è stato effettuato il prelievo in strada di campioni salivari, inviati a Roma presso il Centro di Tossicologia Forense della Polizia di Stato per le analisi di laboratorio.

Queste ultime hanno confermato la positività ad almeno una sostanza psicoattiva di 386 conducenti, pari al 71,9% di quelli (537) risultati positivi al test di screening su strada, ed al 1,1% dei conducenti complessivamente controllati.

Servizi contro le cosiddette “stragi del sabato sera”.

Dall’inizio, nelle notti dei fine settimana (dalle 24 alle 6 di sabato e domenica), la Polstrada ha impiegato nei posti di controllo 317 pattuglie, rilevando 30 incidenti (2 in meno rispetto al 2017) che hanno cagionato il ferimento di 23 persone (2 in meno rispetto al 2017).

I conducenti controllati con etilometri sono stati 2404 (380 in più del 2017), il 6% dei quali (144 uomini e 23 donne) è risultato positivo al test di verifica del tasso alcolemico. Nel 2017 la percentuale era del 7,6%.

Le persone denunciate per guida sotto effetto di sostanze stupefacenti sono state 3 (9 nel 2017). I veicoli sequestrati per la confisca 19 (14 nel 2017) e le patenti ritirate 136 (153 nel 2017).

Autotrasporto.

Nel corso del 2018, il Compartimento ligure ha continuato a dare forte impulso ai servizi di controllo nel settore del trasporto professionale (svolti anche congiuntamente al personale del Dipartimento Trasporti Terrestri con i Centri Mobili di Revisione).

Al 31 dicembre 2018 sono stati effettuati 865 servizi e impiegati agenti della Polizia Stradale e operatori del Mit. I veicoli pesanti controllati sono stati 12342, di cui 6.504 (pari al 16 %) stranieri. Le infrazioni accertate 31.211. Le patenti ritirate 379. Le carte di circolazione ritirate 658.

Gite scolastiche in sicurezza.

Sono stati attivati controlli d’iniziativa o su segnalazione dell’istituto scolastico mirati al controllo degli autobus destinati al trasporto di scolaresche per gite o viaggi d’istruzione. Nel 2018 sono stati controllati 730 autobus, dei quali 44 hanno evidenziato almeno una irregolarità, per un totale di 59 infrazioni.

Dall’avvio dell’iniziativa, nel 2016, su scala nazionale sono stati 43.061 gli autobus controllati di cui 31.023 su richiesta delle scuole. Quelli che presentavano una o più irregolarità sono stati 6.511; 9.278 le infrazioni rilevate con 121 patenti e 158 carte di circolazione ritirate.

Operazioni ad alto impatto.

Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018 ai servizi programmati mensilmente a livello regionale sono stati predisposti dispositivi specifici pianificati a livello nazionale, secondo il modello delle “Operazioni ad alto impatto”, nella misura di circa 4 al mese, per sottoporre a controllo massivo di particolari settori del trasporto e verificare il rispetto di specifiche norme poste a salvaguardia della sicurezza stradale.

I dispositivi sono stati programmati e realizzati da agenti della Polstrada particolarmente preparati in settori della circolazione in cui le violazioni costituiscono generale pericolo per la sicurezza dei cittadini.

Le operazioni hanno riguardato riguardano diversi settori che, al 20 dicembre, hanno fatto registrare questi risultati.

Cinture sicurezza e sistemi di ritenuta (12 operazioni – 130.672 veicoli controllati e 46.006 violazioni accertale di cui 15.089 riferite alla normativa specifica); Assicurazione obbligatoria (7 operazioni – 51.632 veicoli controllati – 15.945 violazioni contestate di cui 2.182 alla specifica normativa); Autotrasporto nazionale ed internazionale di persone (5 operazioni – 6.542 veicoli controllati e 1.757 violazioni accertate di cui 816 alla specifica normativa); Trasporto di animali vivi (5 operazioni – 12.379 veicoli controllati e 6.564 violazioni accertate di cui 244 alla specifica normativa); Trasporto di merci pericolose (3 operazioni – 14.151 veicoli controllati e 9.876 violazioni accertate alla specifica normativa); Trasporti eccezionali (2 operazioni con 210 veicoli controllati e 33 violazioni accertate alla normativa specifica); Trasporto di sostanze alimentari (5 operazioni – 18.981 veicoli controllati – 8.342 violazioni accertate di cui 381 alla specifica normativa); Uso corretto di telefoni alla guida dì veicoli (5 operazioni – 96.870 veicoli controllati e 5.807 violazioni accertate relative alla specifica normativa);
Stato di efficienza degli pneumatici (3 operazioni – 31.487 veicoli controllati – 10.981 violazioni accertate di cui 1.356 alla specifica normativa).

I controlli ad “alto impatto” sono già stati riprogrammati per tutto il 2019.

Attività di polizia giudiziaria.

Nell’ambito dell’attività di contrasto al traffico illecito dei veicoli (prioritaria competenza delle squadre di polizia giudiziaria della Polstrda) nell’anno di riferimento sono state arrestate 38 persone e 925 sono state denunciate; i veicoli sequestrati sono stati 48.

Le indagini per truffa, in particolare per le ipotesi di frode assicurativa, alterazione del tachimetro e illecito conseguimento delle patenti di guida, hanno consentito di arrestare una persona e denunciarne in stato di libertà 49.

Sulla rete autostradale l’intensificazione dei servizi diretti in linea prioritaria a contrastare i fenomeni di furti e rapine in danno degli autotrasportatori, esercizi commerciali ed utenti in transito ha permesso di arrestare 5 persone e denunciarne 39.

Significativi, infine, sono stati i risultati conseguiti nel settore dei controlli agli esercizi commerciali connessi alla circolazione dei veicoli. In particolare, 252 esercizi tra carrozzerie, autofficine, autoscuole, autodemolitori, autosaloni sono stati sottoposti a controllo e 111 sono state le violazioni rilevate. Tra questi esercizi commerciali 9 sono stati sequestrati con sanzione amministrativa, mentre in due casi è stato effettuato il sequestro penale.

Campagne di informazione ed educazione stradale.

La campagna di sicurezza stradale Icaro, giunta alla 18esima edizione, quest’anno ha focalizzato l’attenzione sul tema della distrazione alla guida dovuta al compimento di più azioni contemporaneamente (multitasking).

il progetto Bicìscuola rivolta in via esclusiva alle scuole primarie ha contribuito a sensibilizzare i giovani al rispetto per l’ambiente e alle regole della sicurezza e dell’educazione stradale.

La campagna di educazione Ubuonmotivo è stata finalizzata a sensibilizzare gli utenti della strada sui rischi derivanti da comportamenti scorretti o imprudenti.

I seminari di formazione “Centrali Aperte” sono stati rivolti alle scolaresche del territorio allo scopo di diffondere la cultura della legalità e della sicurezza stradale.

Guida Sicura.

Inoltre, la Polstrada ha organizzato seminari di formazione in materia di sicurezza stradale e di prevenzione degli incidenti stradali e, in particolare, di quelli in itinere.

Bimbi in Auto ha sensibilizzato gli adulti sull’importanza dell’utilizzo dei sistemi di ritenuta per la sicurezza dei bambini in auto nonché su tutti gli aspetti legati alla loro sicurezza quando viaggiano in auto.

Inverno in sicurezza e Vacanze sicure hanno puntato sul corretto equipaggiamento e sull’efficienza degli pneumatici durante il periodo invernale ed il periodo estivo. La collaborazione si è svolta effettuando controlli stradali mirati.

Chirone – dalla parte delle vittime è stato un progetto pensato per gli operatori di Polizia che sono chiamati a intervenire in condizioni di forte impatto emotivo quale quello che si realizza a seguito di incidente. Il progetto ha fornito supporto e formazione ai soggetti coinvolti (attivamente e passivamente) nella gestione di un evento traumatico.