Home Cultura Cultura Genova

Sestri Levante rinnova l’appuntamento con la Fotografia

0
CONDIVIDI
Sestri Levante rinnova l’appuntamento con la Fotografia
Sestri Levante rinnova l’appuntamento con la Fotografia

Sestri Levante rinnova l’appuntamento con la Fotografia attraverso il Festival “Penisola di Luce”, promosso dal Comune e Mediaterraneo

Sestri Levante rinnova l’appuntamento con la Fotografia. Commenta Valentina Ghio, sindaca di Sestri Levante “Penisola di luce è una delle manifestazioni culturali più importanti della nostra città che aderisce allo spirito con cui sviluppiamo le nostre politiche culturali: una manifestazione capace di crescere offrendo contenuti di altissima qualità e un’ampia varietà di proposte e tematiche di grande attualità.

Mi fa particolarmente piacere il focus sulla sostenibilità che è stato sviluppato quest’anno, un tema molto caro alla nostra città, su cui stiamo lavorando anche dal punto di vista degli eventi. Ringrazio l’associazione Carpe Diem e Roberto Montanari per il lavoro, prezioso, che portano avanti ogni anno nella progettazione e nel compimento della manifestazione e Mediaterraneo servizi per il fondamentale supporto nella sua realizzazione”.

La manifestazione, dedicata a Lanfranco Colombo, patrocinata dalla Fiaf ed organizzata dall’Associazione culturale Carpe Diem con il coordinamento artistico di Roberto Montanari, è strutturata su tre rami principali:

–        le mostre

–        la 4^ tappa Circuito Nazionale Portfolio Italia Fiaf

–        incontri, conferenze, audiovisivi, editoria.

Per questa edizione una ampia parte del festival sarà dedicata al tema della SOSTENIBILITÀ.

“Soddisfare i bisogni della generazione presente senza compromettere quelli della generazione futura” è il diktat dei nostri tempi. Il Comune di Sestri Levante, vincitore a livello nazionale con altri sette comuni del bando Urbact, il cui obiettivo è l’unione delle politiche culturali alla sostenibilità ambientale e alle politiche per il contrasto al cambiamento climatico, ha scelto Penisola di Luce come manifestazione culturale pilota per applicare la buona pratica di Urbact.

Proprio perché la fotografia è strumento eccellente di comunicazione visiva, sono stati selezionati diversi autori e fotografi per stimolare riflessioni sui numerosi aspetti che dovremo affrontare nel tempo per lasciare alle generazioni future una qualità della vita non inferiore a quella attuale.

Primo ramo, le mostre:

La sala espositiva A. Riccio del palazzo comunale ospiterà la collettiva “The Horizont we look at”, 17 scatti di diversi autori per interpretare gli obiettivi globali dell’Agenda 2030 mentre la sala Bo di palazzo Fascie ospiterà la collettiva “Umanamente possibile”. Dal testo di presentazione dal curatore, prof. Roberto Mutti: “Le opere che costituiscono il corpo di questa mostra intendono affrontare i diversi aspetti di una grande tematica di pressante attualità, quella che si interroga sui nostri stili di vita per riscoprire l’importanza di rapporti capaci di valorizzare quanto di più profondo lega gli uomini fra di loro”. Entrambe le esposizioni sono curate dal critico/giornalista Roberto Mutti e gentilmente concesse dalla Fondazione 3M di Milano.

Penisola di Luce avrà l’onore di ospitare la mostra: Luigi Erba – autore dell’anno Fiaf 2022. Una serie di opere che ci raccontano il percorso di un letterato fotografo e raffinato sperimentatore. I suoi lavori saranno in mostra presso la sala expo di palazzo Fascie/Museo di Sestri Levante.

Il prestigioso complesso dell’ex convento dell’Annunziata, cuore pulsante della manifestazione, ospiterà il lavoro vincitore di Portfolio Italia 2021 “Piena di grazia” di Ilaria Sagaria e “Arte, Vita, Natura” del fotografo

veneto Antonio Zuccon (una serie poetica di immagini di sculture “effimere”, destinate a dissolversi nella natura stessa in cui sono create).

Sempre all’Annunziata saranno esposti i lavori dei soci di Carpe Diem dal titolo: Letteratura/Ambiente/Fotografia. Partendo dalla lettura di diverse importanti opere letterarie che affrontano in modo diverso la tematica ambientale i soci hanno creato immagini fotografiche di sfondo “ecologico ambientale” suscitate dalle impressioni personali emerse in seguito alla lettura di alcuni passaggi o frasi dei romanzi selezionati.

Ancora all’ex Convento sarà esposto il lavoro “Educazione allo sguardo – Storia della Fotografia”.

Attraverso A.R.T.E. – Autonomia, Relazioni, Territorio, Espressività, progetto che favorisce l’inclusione sociale delle persone con disabilità attraverso la cultura, stimolando la creatività e l’espressione di sé con l’utilizzo di linguaggi differenti, sono state realizzate dai partecipanti diverse immagini con antiche tecniche di stampa quali la carta salata, la cianotipia, Van Dick. L’intero lavoro è stato coordinato dal Sentiero di Arianna quale soggetto capofila, con i partner Aperta parentesi, Mediaterraneo servizi, Il Raggio e Roberto Montanari come docente.

Il nuovo scenario creatosi a seguito del Covid 19 ha indotto l’organizzazione a ragionare con i nuovi mezzi e linguaggi: facendo tesoro di questa esperienza la manifestazione è stata riorganizzata cercando di affiancare al tradizionale format alcune novità, tra cui l’installazione nell’atrio del palazzo comunale e nella antistante piazzetta Matteotti di alcune gigantografie. Fare uscire l’arte fotografica dalle sue tradizionali “sedi espositive e museali” per rilocarsi all’esterno e avviarsi a una partecipazione ancora più totalizzante.

In questi luoghi troveranno spazio opere (Altro Oceano) della pluripremiata fotografa inglese Mandy Barker, artista che si interessa all’ambiente e alle dinamiche globali che ne causano il deterioramento. Le sue serie fotografiche si concentrano sui rifiuti plastici che soffocano gli oceani del mondo e mettono in grave pericolo l’ecosistema marino. Immagini esteticamente attraenti ma profondamente inquietanti, poiché composizioni create con detriti di materiale plastico di uso comune disperso negli oceani e raccolto in varie spiagge del mondo.

Secondo ramo – “XVIIII Circuito nazionale Portfolio Italia”

Saranno nove (Orietta Bay, Silvano Bicocchi, Luigi Erba, Monica Mazzolini, Fulvio Merlak, Roberto Mutti, Alessandra Quattordio, Chiara Spat, Isabella Tholozan) gli esperti provenienti dal mondo della fotografia e dell’arte disponibili a dare suggerimenti e a valutare i lavori dei partecipanti provenienti da diverse regioni italiane.

Il terzo ramo con diversi altri significativi interventi:

–        il Dipartimento Cultura FIAF diretto da Silvano Bicocchi presenterà una sintesi multimediale dei numerosi laboratori fotografici realizzati dai circoli che hanno affrontato il progetto Nazionale “Clima, Ambiente, Futuro”.

–        Il dipartimento Diaf/Fiaf, guidato da Roberto Puato sarà presente con la quarta tappa Nazionale di lettura audiovisivi e con la proiezione di audiovisivi su tematiche ambientali.

–        Saranno inoltre presenti edizioni 6×6 e Gente di fotografia con le loro migliori pubblicazioni di settore.

Come consuetudine la serata del sabato sarà dedicata ad un evento fotografico dal vivo dove si intrecciano fotografia, teatro, musica e scrittura:

VIVIAN MAIER – Ignota a me stessa

presentazione del libro di Patrizia Ercole e Silvestra Sbarbaro. sabato 9 luglio – ore 21,30 sala Agave

Una rappresentazione teatrale dove le autrici ci faranno viaggiare nel mondo della grande fotografa “leggendo” e “interpretando” diverse immagini della fotografa americana. Come le autrici stesse commentano: “Abbiamo immaginato momenti e segreti della sua esistenza a partire dall’anima che traspare dai frammenti di vita colti con la sua Rolleiflex, forse nel tentativo di renderli eterni”.

VISITA GUIDATA DELLE MOSTRE – sabato 9 luglio dalle 17,30 alle 19,00

con la collaborazione del Museo Archeologico della Città, del LabTer Tigullio e del polo culturale di Palazzo Fascie.

È necessaria la prenotazione presso l’ufficio Informazioni turistiche di corso Colombo.

Una visita guidata gratuita delle mostre e degli eventi principali del Festival incontrando gli autori e i curatori. La visita inizierà a palazzo Fascie per terminare presso l’ex convento dell’Annunziata. Durante il tragitto una guida turistica abilitata illustrerà ai partecipanti la storia di Sestri Levante e del suo suggestivo centro storico. Al termine della visita ai partecipanti sarà offerto un calice di vino bianco e focaccia genovese.

Penisola di luce proseguirà anche nel mese di settembre con un evento speciale: la Giornata della sostenibilità.

Nel parco Nelson Mandela con la collaborazione delle numerose associazioni culturali e di volontariato che operano sul territorio si terrà una festa con giochi, musica, mostre e tanti altri eventi per comunicare le azioni giuste per un mondo migliore

Conclude Maria Elisa Bixio, assessora alla Cultura di Sestri Levante: “La cultura e l’arte al servizio dell’ambiente e del futuro. Il festival della fotografia Penisola di luce quest’anno porta all’attenzione del grande pubblico tematiche importanti e fondamentali per modificare abitudini, focalizzando l’attenzione su temi di stringente attualità.

Cambiamenti climatici, inquinamento, natura, il mondo violentato dall’uomo, l’ambiente, gli obiettivi dell’agenda 2030 sono alcune delle tematiche che attraverso le potenti immagini di grandi autori che arricchiranno il Festival dal 3 luglio ci faranno riflettere, provando a cambiare la nostra idea di futuro. Credo che la cultura possa davvero fare la differenza, consolandoci con la bellezza ma anche colpendoci attraverso immagini forti che hanno il potere di farci riflettere, di svegliarci dal torpore e spronarci a sfide future”.

Altre info e approfondimenti Su: www.associazionecarpediem.org  e su www.sestri-levante.net .