Home Cultura Cultura Genova

Remida Day: una giornata per il riuso creativo a Palazzo Ducale

0
CONDIVIDI
Remida Day
Angolo Remida

Ritorna a Palazzo Ducale la giornata “circolare” dedicata al riuso creativo dei materiali di scarto
Sarà sabato 7 maggio la giornata dedicata la riuso creativo promossa dal Centro Surpluse- Remida Palazzo Ducale: il numero 12 del Remida Day sarà una giornata di incontri, di scambi, di parole, di musica, di messaggi, di scoperta e di gesti. Il tema dei laboratori sarà: “DiSegni e Lettere – Storie da indossare”,
Gli allestimenti cominceranno già venerdì pomeriggio e lo staff di Remida Genova andrà ad ‘abitare’ lo spazio pubblico di Palazzo Ducale, in collaborazione con il Servizio Didattica ed Eventi culturali della Fondazione per la Cultura di Palazzo Ducale, in un incontro sempre più ravvicinato tra il Centro Remida Genova e i laboratori delle “Creazioni al fresco” – presenti nello spazio AMIU di vico Angeli. La scenografia che accoglierà i visitatori sarà la scomposizione e l’utilizzo di frammenti di illustrazioni, allestiti tra il Cortile Maggiore e i porticati di Palazzo Ducale.
Un magico percorso in questi storici spazi dove scoprire lo stile peculiare di artisti noti come gli incantesimi di Lele Luzzati, i disegni pieni di entusiasmo incontenibile di Quentin Blake, i tratti originali e fortemente espressivi di artiste e artisti locali come: Davide Fams, Helga Grisot, Gregorio Giannotta, Marcella Mangano, Paola Rando, in un contesto scenografico essenziale che darà valore al linguaggio verbale e iconico rappresentato.

La festa inizierà per il pubblico sabato 7 maggio dalle 10 per tutta la giornata fino alle 18, nel Cortile maggiore di Palazzo Ducale. Ci saranno laboratori per invitare i più piccoli a creare borse d’artista, la distribuzione gratuita di materiali per dedicarsi al riciclo creativo e la nuova collezione di borse e accessori delle “Creazioni al Fresco”.
Il programma di sabato è modulato in più punti del Palazzo: la distribuzione di materiale sarà nel Centro Remida Surpluse al piano – 2 di Palazzo Ducale (dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30) nel ‘Punto Accoglienza e distribuzione” un’occasione per scoprire le potenzialità dei materiali, degli scarti di produzione, prodotti non perfetti, oggetti senza valore apparente, per accendere le idee con nuove possibilità di comunicazione e di creatività.
Le “Creazioni al Fresco” e Lab ’85 saranno nello spazio “42 rosso” dove si potranno trovare le borse e gli accessori confezionati dalle donne, impegnate nei laboratori creativi, fuori e dentro alla Casa Circondariale di Genova Pontedecimo e gli oggetti realizzati, con materiali di recupero, dai ragazzi/e del Centro di Educazione al Lavoro Lab’85 -Coop. Soc. Il Laboratorio”.
Negli stessi orari partiranno per i più piccoli, ma anche dai più grandi accompagnati dai bambini, il laboratorio “DiSegni e Lettere – Una storia da indossare”. Saranno create borse d’artista, con inserti originali e caratteri di stampa, cucite a macchina, per raccontare storie e per custodire i propri segreti. Oppure borse di carta dove la presenza di immagini e parole, inventerannoun linguaggio esclusivo e fantastico tutto questo grazie a “Per Inciso”- Associazione di Promozione Sociale che si dedica alla diffusione delle tecniche di stampa tradizionali come xilografia, camera oscura e stampa d’arte.
Non mancherà la musica d’insieme del “Drum Circle” – il cerchio delle percussioni un’esperienza giocosa e coinvolgente per piccini sopra i 7 anni, che dalle 17 in due sessioni, con strumenti anche di riciclo creativo, alla ricerca di sonorità inaspettate.

IL PROGETTO EUROPEO FORCE
La rete dei centri del riuso Surpluse (come quello di Coronata) nasce grazie al progetto FORCE finanziato nell’ambito del programma europeo Horizon 2020 e dedicato a promuovere l’economia circolare a partire dai rifiuti. FORCE (www.ce-force.eu) è partito a settembre 2016 ed è attualmente in fase after life fino al 2025. Ha coinvolto 4 città europee ciascuna delle quali ha in capo una filiera principale: Copenhagen (capofila del progetto) per la plastica, Amburgo per i rifiuti elettrici ed elettronici, Genova per il legno e Lisbona per i rifiuti organici. Per Genova oltre al Comune sono coinvolti AMIU, il polo tecnologico Ticass e le imprese Ecolegno e Active Cells.