Home Hi-Tech Hi-Tech Mondo

Quale diffusore scegliere?

0
CONDIVIDI
Quale diffusore scegliere?
Quale diffusore scegliere?

Selezione degli altoparlanti Bluetooth per il computer

Abbiamo parlato dell’importanza di buoni altoparlanti Bluetooth e di quali soluzioni offre il mercato per migliorare la tua esperienza audio.

Gli altoparlanti Bluetooth sono ciò di cui la maggior parte degli utenti ha bisogno per la riproduzione audio.

Nonostante disponiamo di numerosi modelli, di varie qualità e prezzi, selezionare quelli economici non è una buona idea.

Tuttavia, in determinati ambienti professionali o che si prefiggono di esserlo, la qualità degli altoparlanti potrebbe essere insufficiente, non importa quanto siano buoni, ed è meglio scommettere su monitor da studio, come il Neumann KH 120.

Se hai un computer a casa, dal quale riproduci musica o contenuti audio, sia per lavoro che per divertimento, probabilmente sarai consapevole dell’importanza di buoni altoparlanti Bluetooth, o un altro dispositivo dedicato esclusivamente a darti buone sensazioni in ciò che è suono.

In questo articolo, intendiamo approfondire il mondo dell’audio per computer, spiegando perché vale la pena investire in buoni altoparlanti Bluetooth e quali opzioni hai a disposizione nel caso in cui non riuscissi e cerchi un’alternativa più professionale, passando poi pensare ai cosiddetti monitor da studio.

Perché investire in altoparlanti Bluetooth di qualità?

A questo punto nessuno mette in dubbio che gli altoparlanti Bluetooth siano più comodi e pratici di quelli che utilizzano un cavo. Tuttavia, ciò mina anche la percezione finale che possiamo avere della nostra musica.

E se è vero che gli standard di trasmissione wireless più recenti mostrano miglioramenti palpabili in termini di inter-dispositivo, che si traduce in una migliore qualità del suono, ciò non accade tra i più economici.

Pertanto, sebbene qualsiasi altoparlante Bluetooth andrà bene per una festa con gli amici in cui vuoi solo rendere la serata più divertente con alcuni temi di moda di sottofondo, se ti consideri un audiofilo le cose cambiano un po’.

Le persone con un particolare interesse per i sistemi di registrazione e riproduzione audio, infatti, si rivolgono spesso agli altoparlanti Bluetooth di marchi specializzati nel suono, dedicati a questo settore e non ad altri. Questo non vuol dire che le aziende tradizionali non abbiano buoni oratori, è solo una nozione generale.

In ogni caso, vale la pena investire in altoparlanti Bluetooth di qualità perché è l’unico modo per essere sicuri che il suono che si sente sia l’originale. Soprattutto se hai intenzione di registrarlo da solo, è di fondamentale importanza.

Monitor da studio, il livello successivo

Come abbiamo detto all’inizio dell’articolo, potrebbe arrivare un punto in cui anche i migliori altoparlanti Bluetooth non sono sufficienti per te. È qui che entrano in scena i cosiddetti monitor da studio, il livello successivo del suono.

Infatti, è un errore abbastanza comune per chi muove i primi passi nel mixare contenuti in uno studio di registrazione casalingo, pensare che un diffusore possa soddisfare le proprie aspettative.

Devi sapere che gli altoparlanti Bluetooth più venduti non hanno l’obbligo di mantenere l’equilibrio, con conseguente distorsione tra bassi, medi e alti, che può influire sulla qualità del tuo mix.

D’altra parte, i monitor audio garantiscono che ciò che stai ascoltando sia davvero l’audio originale. Usandoli, eviterai l’inganno lavorando su una traccia che in seguito non corrisponde alla versione reale del suono.

Cosa considerare quando si acquista un monitor da studio?

Le dimensioni: le dimensioni del tuo monitor da studio sono uno degli aspetti fondamentali quando si considera il tuo acquisto, e cioè che non ha senso installare un monitor troppo grande in poco spazio. Ci deve essere un rapporto diretto.

Il numero di vie: I monitor da studio sono divisi in base al numero di vie, che può essere 2, 3 o 4 vie. In genere più percorsi ci sono, meglio è, ma è meglio concentrarsi sulla qualità complessiva piuttosto che solo su di essi.

Attivi o passivi: i monitor da studio attivi come il Neumann KH 120 sono di gran moda in questo momento, e questa è un’altra domanda che dovrai determinare prima di andare avanti. Sono più costosi delle passività, ma migliori. Come li differenziamo? Le risorse hanno un amplificatore interno, che ci semplifica le cose, permettendoci di fare a meno di dover acquistare un amplificatore esterno per un audio fedele.

Potenza: la potenza senza qualità è inutile, ma comunque non dovresti perdere di vista la potenza massima che il monitor da studio che ti interessa può offrirti, perché lo apprezzerai se dovrai forzarlo un po’.