Home Cultura Cultura Savona

Nel Comprensorio ingauno indiani, scouts e musulmani generosi

0
CONDIVIDI
Il logo del MASCI

Proseguono le dimostrazioni di generosità nel comprensorio ingauno in questo periodo di emergenza da parte di associazioni, gruppi e volontari.

La comunità indiana ha donato 5.540 euro per l’emergenza alimentare legata al Covid-19. Due rappresentanti della Comunità Indiana si sono presentanti in Comune di Albenga portando una donazione, frutto di una colletta effettuata per fronteggiare l’emergenza pandemica.

“Ci piacerebbe che questi soldi fossero utilizzati per aiutare tutte quelle persone che oggi sono in difficoltà e che non riescono neppure ad andare a fare la spesa” hanno affermato i due rappresentanti della comunità nel consegnare al Sindaco Riccardo Tomatis i soldi raccolti con tanto impegno e fatica.

Un gesto di grande solidarietà che il primo cittadino ha accolto con commozione “Nelle situazioni critiche e di difficoltà -ha commentato il sindaco- le persone di valore vengono fuori e dimostrano che il cuore non ha colore, religione o appartenenza. Siamo tutti parte della stessa realtà e questo dobbiamo ricordarlo anche quando questa emergenza sarà finita. Grazie a nome di tutta la Città per la vostra grande generosità”.

La comunità Masci (Movimento adulti scout cattolici italiani) del Santuario del Sacro Cuore di Albenga ha voluto ringraziare, con doni gastronomici, i volontari che, in questo periodo di pandemia, con il coordinamento del Comune, svolgono un insostituibile servizio:

“Il Masci – dicono gli scouts- vuole sentirsi e farsi sentire vicino a chi sta lavorando con intensità e rischio, accompagnando non solo materialmente, ma anche con un grande sostegno psicologico, le persone affette da Covid 19 e non solo! Insieme a tanti altri amici, che ringraziamo di cuore, il movimento ha pensato di manifestare la propria vicinanza ai militi delle Croci, Bianca e Rossa, della Protezione civile ed ai volontari tutti, cucinando per loro torte dolci, torte pasqualine, che abbiamo consegnato loro direttamente nelle sedi delle pubbliche assistenze, come piccolo segno della nostra grande riconoscenza. Grazie per il vostro impegno”.

La comunità Musulmana di Albenga prosegue intanto la raccolta fondi in sostegno dell’Ospedale di Albenga.

“Con molta determinazione e molta consapevolezza di ciò che sta accadendo a tutti noi in questo momento- spiegano i portavoce della raccolta- di questo disastro che purtroppo non ci saremmo mai aspettati e consapevoli di tutti i problemi che ha portato, il principale relativo alla sanità, il nostro ospedale si è ritrovato senza i dispositivi di protezione individuale e molte altre cose.

Facendo parte di questa bellissima città, che ci ha accolto e ci ha seguito in qualsiasi cosa, in nome di tutta la comunità islamica appartenente a questa città abbiamo deciso di aprire una raccolta fondi per il nostro ospedale Santa Maria della Misericordia! Per poter portare, anche se in piccolo un aiuto, un aiuto che per noi è un grande gesto di solidarietà! Grazie, grazie di tutto e ce la faremo”.

Sono queste solo alcune delle tante iniziative di questo genere che sono state attivate nel comprensorio albenganese per aiutare chi in questo momento è in prima linea per salvare vite umane.
CLAUDIO ALMANZI