Home Politica Politica Genova

Mit: dopo tragico crollo a Genova, rivoluzione copernicana per monitoraggio infrastrutture

0
CONDIVIDI
Ponte Morandi, ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli (M5S)

“L’Osservatore Romano scrive oggi che a un anno dalla tragedia del crollo del Ponte Morandi ‘tante promesse restano mancate’.

All’indomani di quel tragico 14 agosto 2018, il Governo si è però impegnato per mettere in atto una vera e propria rivoluzione copernicana nel monitoraggio e nella manutenzione delle infrastrutture, che è effettivamente in atto.

Come tutte le rivoluzioni ha bisogno di tempo, ma in questo primo anno tanti sono già i risultati ottenuti e i tasselli costruiti per ottenere l’obiettivo prefissato”.

Lo hanno dichiarato ieri i responsabili del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, retto dal pentastellato Danilo Toninelli.

“Abbiamo pronto il decreto – hanno aggiunto dal Mit – per la nascita del primo Archivio informatico nazionale delle opere pubbliche, ovvero lo strumento, creato dal decreto Genova, pensato perché lo Stato torni a fare lo Stato e riesca a monitorare costantemente e in tempo reale lo stato di salute di tutte le infrastrutture italiane, anche grazie a sensori e satelliti, così da
intervenire tempestivamente lì dove c’è bisogno con una doverosa e necessaria manutenzione.

Pronti e al vaglio del Consiglio di Stato sono anche Regolamento e Statuto dell’Ansfisa, la nuova Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali.

Sempre istituita con il decreto Genova, si tratta del braccio operativo con cui lo Stato vigilerà sulla salute delle infrastrutture e, proprio grazie ad Ainop, avrà modo di intervenire tempestivamente per sanare situazioni di potenziale pericolo. Proprio perché non ci siano mai più tragedie come quella di Genova.

Avevamo promesso un cambio netto di paradigma e lo stiamo realizzando. E nel frattempo non siamo stati fermi. Gli uffici tecnici del Ministero hanno compiuto 180 ispezioni straordinarie su ponti e viadotti autostradali, un’attività mai fatta prima.

E l’imprinting sulla manutenzione si vede anche nei 250 milioni di euro stanziati per la ristrutturazione e ricostruzione dei ponti sul Po e suoi affluenti, e nei 2,7 miliardi di euro aggiuntivi contenuti nel contratto di programma Anas e dedicati proprio al monitoraggio dello stato di salute delle strade.

Senza dimenticare il nuovo regime tariffario dell’Art che costringe i concessionari autostradali a fare investimenti reali, soprattutto nell’ottica della manutenzione e della sicurezza”.