Home Cultura Cultura Genova

L’isola delle donne, racconti con una garbata dose di ironia

0
CONDIVIDI
L’isola delle donne, racconti con una garbata dose di ironia

Per rispettare e valorizzare la festa della donna che si celebra l’otto marzo abbiamo pubblichiamo la biografia di donne che hanno avuto un ruolo vitale nella storia, nella letteratura, nella politica, nel costume. Abbiamo iniziato questi racconti lo scorso anno con la storia della scienziata Ipàzia che eccelleva nella matematica, astronoma e filosofa greca antica per continuare questo anno, proponendo libri e altre figure femminili capaci di esprimere i loro talenti nonostante il maschilismo dilagante……

Roberto Bertinetti, docente universitario, anglista noto anche per i suoi articoli su diversi giornali, sceglie di parlare con dovizia di particolari delle donne che hanno collaborato a rendere grande, nei secoli il Regno Unito.

Bertinetti nel suo libro “L’isola delle donne”, tratta in modo originale le questioni legate alle donne della società inglese, dalla grande Elisabetta per giungere, nella sua elegante carrellata di ritratti, fino ai giorni nostri. Le nove protagoniste hanno avuto un ruolo vitale nella storia, nella letteratura, nella politica, nel costume, e sono disegnate sulla copertina in bianco e nero.

Anche se sembra di conoscerle bene, perché i loro volti sono presenti nel nostro immaginario, leggendo con attenzione “L’isola delle donne”, si scoprono aspetti mai conosciuti di personalità senz’altro speciali. In alcune si rivela la durezza, in altre la fragilità, di tutte la determinazione nel perseguire scopi alti, obiettivi raggiunti anche a costo di grandi rinunce personali.

Sfogliando commenti e giudizi sul web si può dire che il libro è piaciuto molto. In sintesi “L’isola delle donne”, è un opera seria ed intelligente, raccontato con leggerezza e con una garbata dose di ironia, nei confronti di fenomeni, storico-politici o di costume, che non sempre trovano accoglienza in un saggio con caratteristiche di rigorosa indagine scientifica, come testimonia la ricca ed esauriente bibliografia.

Le storie di queste donne ci raccontano un femminismo ante litteram, la ricerca di un’autonomia profonda, intellettuale, interiore, che non ha molto a che vedere con slogan di maniera che pure hanno attraversato il secolo scorso, ma che testimonia che “è venuto dalle donne l’impulso decisivo a rendere il Regno Unito un modello al quale il mondo ha spesso volto lo sguardo per costruire il futuro”.

Il libro di Roberto Bertinetti per le donne del nostro tempo è certamente un regalo bello e gradito. ABov