Home Cultura Cultura Genova

La riscoperta in cucina, di antiche ricette celtiche

0
CONDIVIDI
La riscoperta in cucina, di antiche ricette celtiche

I belinetti alla cipolla egiziana e i barbagiuai dolci riprendono vita a Camporosso

Dai belinetti alla cipolla egiziana ai barbagiuai dolci è un inno alle nostre tradizioni agroalimentari; Marco Lia e Marco Damele (pionieri di un’ agricoltura storica legata alla memoria gastronomica del territorio) continuano a rimarcare l’importanza di un ritorno alla tradizione ed alla necessità di valori in cui sono coinvolti tutti gli stili di vita, da ciò che scegliamo a ciò che si mangia, da quello che si coltiva a ciò che si condivide.

Stiamo assistendo ad un ritorno ai valori della terra e di una sana alimentazione anche da chi per lavoro o per scelta ha altre professioni, basti pensare al fenomeno degli orti condivisi, degli orti sociali e dell’autoproduzione e ricerca dei semi orticoli. Un gesto semplice, come sedersi a tavola per il
pranzo o la cena, deve ritornare ad essere un atto di conoscenza della nostra agricoltura. Molte volte, per dimenticanza o per colpa dei ritmi frenetici che la società
impone, non ci rendiamo conto di quello che mangiamo, peggio ancora, non conosciamo esattamente quello che ritroviamo nei piatti.
Conoscere il cibo è prima di tutto rispetto e amore verso l’ambiente, è rimarcare l’importanza della tutela delle tradizioni e la salvaguardia della diversità biologica;
una biodiversità che non è altro che preservare il futuro del nostro pianeta. Il territorio in cui viviamo, da conservare con cura, è un bene irripetibile che solo attraverso
la conoscenza riusciremo a proteggere concretamente. Perché allora non iniziare proprio dall’alimentazione?

I “belinetti” sono biscotti artigianali molto semplici a base di cipolla egiziana di Camporosso coltivata da Marco Damele, olio extravergine di oliva di Castelvittorio e scorzette di limone a Km0 della vallata. Leggermente croccanti si conservano a lungo e ci regalano odori e sapori di un tempo. I belinetti della Val Nervia nella loro piu’ intima tradizione sono riusciti ad unire il territorio, varie anime che quotidianamente con fatica cercano di promuovere e rivitalizzare la nostra economia basata ancora sui prodotti della terra invidiati e  riconosciuti però a livello internazionale per la loro bontà e genuinità.

I “barbagiuai dolci” sono  ravioli fritti ripieni di morbidissima crema alla cipolla egiziana, zucca locale e ortica, un legame con la terra sempre più consolidato e maturo per rendere anche un momento di gioia e festa un tributo alle nostre tradizioni e cultura rurale. La zucca, la cipolla egiziana ed in particolar modo l’ortica usate nelle nostre zone fin dai tempi antichi, anche nella tradizione celtica per la preparazione di ravioli, frittate, salse può diventare la base per dolci gustosi e naturali che una gastronomia povera, ma di livello assolutamente geniale e genuino, ha tramandato nei secoli; un modo piacevolissimo di tornare al passato, di ricordare e promuovere alla nuove generazioni antiche tradizioni. Anche sotto il profilo gastronomico.