Home Cronaca Cronaca Genova

Incidente in A12: Nico travolto e ucciso per un gesto di altruismo. Cordoglio a Sestri Levante

0
CONDIVIDI
Tragico incidente stradale in A12 tra Recco e Rapallo

Cordoglio a Sestri Levante per la tragica morte del 52enne di Campomorone Nicola Decio, appartenente a una nota e stimata famiglia che gestiva un panificio nella cittadina del Tigullio e volontario della Croce Verde.

“Nico” era un autotrasportatore di medicinali e svolgeva la sua attività a Genova. Intorno alle 17,30 di ieri stava tornando dalla famiglia a Sestri Levante.

A seguito del tamponamento a catena sulla A12 tra Recco e Rapallo, era sceso dal furgone e al momento risulta che sia stato travolto e ucciso da una o più auto che non sono riuscite a fermarsi in tempo.

Sembra che il 52enne sia sceso dal suo veicolo per andare a vedere le condizioni del conducente che lo aveva tamponato.

Indagini in corso della Polizia Stradale.

Incidente in A12 tra Recco e Rapallo: un morto e 4 feriti, coinvolti sette veicoli. Tratto chiuso

Incidente stradale in A12, code fino alle 22 | Aggiornamento e foto

“E così, in un gesto d’altruismo, ci hai lasciato anche tu – hanno ricordato stamane i volontari della Croce Verde di Sestri Levante su Fb – a voglia di aiutare il prossimo, quella che ci hai trasmesso, ti ha accompagnato fino alla fine e ci hai lasciato cercando di aiutare chi pensavi avesse bisogno.

Siamo ancora sgomenti, soprattutto perchè, quando abbiamo saputo dell’incidente..di Campomorone…ci ha sfiorato il brutto pensiero, ma lo abbiamo subito scacciato, quasi a voler rifiutare un ipotesi che ci avrebbe troppo addolorato.

Una ipotesi che invece in prima mattinata si è dimostrata in tutta la sua tragicità. Il tuo sorriso, il tuo essere sempre sorridente, sempre pronto alla battuta, allo scherzo….. il tuo esser come ci definivamo tra di noi ‘menabelino’ sarà il miglior ricordo che avremo di te.

Ed anche in questo caso, ci hai voluto lasciare in un modo talmente “tragico” da lasciarci sgomenti e diresti…per farci parlare di te… ma e mi sembra di vederti e sentirti… ehhh belin non te lo aspettavi ehhh massi…. caro Nicola Decio, ti ricorderemo sempre”.