Home Spettacolo Spettacolo Genova

In arrivo La tempesta di Shakespeare con Eros Pagni

0
CONDIVIDI
In arrivo La tempesta di Shakespeare con Eros Pagni

Il nuovo anno inizia con un’importante coproduzione: La tempesta, l’ultimo capolavoro di William Shakespeare, con Eros Pagni e Gaia Aprea protagonisti, diretti da Luca De Fusco.

Lo spettacolo andrà in scena al Teatro della Corte dall’8 al 19 gennaio.

«Eros Pagni costruisce un personaggio di memorabile forza e disperata solitudine. Lo spettacolo si srotola rapido, saltando a piè pari la consuetudine del racconto e mantenendosi fedele agli incantamenti che Shakespeare gli consegna» Giulio Baffi, Repubblica.

Il testamento artistico di Shakespeare diventa, nella regia di De Fusco, una proiezione mentale di Prospero: nient’altro che un prodotto della sua sterminata fantasia.

È il regista Luca De Fusco, direttore del Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale, a raccontare la sua personalissima visione de La tempesta, ultimo capolavoro scritto da William Shakespeare, che arriva in scena con l’interpretazione di un gigante del teatro, come Eros Pagni, nel ruolo protagonista.

Prospero, spodestato dal ducato di Milano dopo aver vissuto dodici anni in un’isola deserta con la figlia Miranda, con il selvaggio Calibano e lo spirito Ariel, usa i suoi poteri per scatenare una tempesta, far espiare al re di Napoli e al fratello Antonio le loro colpe e riacquistare il ducato perduto, dopo aver propiziato il matrimonio della figlia con Ferdinando, figlio del re di Napoli. «Eros Pagni sarà un mago chiuso nel suo luogo di studio e riflessione che si trasfigura con giochi di allucinazioni creando un’isola che non c’è. Tutto è nella testa del mago, compresi Ariel e Calibano, che divengono in questa lettura una sorta di Jekyll e Hyde – spiega De Fusco. Ecco perché la scena della Tempesta è una citazione della biblioteca mediatica del protagonista, ecco perché i suoi avversari si presentano con abiti delle più svariate epoche, essendo nient’altro che citazioni della cultura occidentale, l’unica esperienza che questo intellettuale agorafobico abbia avuto nella sua vita».

Lo spettacolo ha debuttato nel suggestivo Teatro Grande di Pompei nell’ambito della rassegna Theatrum Mundi nel giugno scorso.