Home Sport Sport Genova

Genoa | La situazione a metà settimana: pronti per affrontare il Parma

0
CONDIVIDI
Miguel Veloso

Si cerca la terza vittoria consecutiva

Archiviata nel migliore dei modi la trasferta di Frosinone, che ha visto i rossoblu vincere in trasferta dopo otto lunghi mesi, il Genoa guarda ora con fiducia alla gara casalinga di domenica prossima contro il Parma.

Gli uomini di Ballardini si allenano in questi giorni in serenità al campo “Signorini” di Pegli, grazie anche alla temperatura primaverile che avvolge Genova e la sua provincia.

BIRASCHI OPERATO – Intanto Davide Biraschi è stato operato al dito fratturato della mano sinistra in occasione di uno scontro di gioco a Frosinone. La società rossoblu ha diramato sul proprio sito il comunicato che recita cosi: “Il Genoa Cricket and Football Club comunica che questa mattina (mercoledì, ndr) il calciatore Davide Biraschi è stato sottoposto a intervento chirurgico di riduzione e sintesi per la frattura della falange prossimale del quinto dito della mano sinistra. L’operazione è stata eseguita dal dottor Federico Santolini e dalla dottoressa Stefania Briano presso la Clinica Ortopedica dell’Ospedale Policlinico San Martino di Genova, diretta dal professor Lamberto Felli. L’intervento chirurgico è perfettamente riuscito e nel pomeriggio Biraschi si è regolarmente presentato al centro sportivo “Gianluca Signorini” di Pegli per svolgere un allenamento differenziato”. Tutto quindi bene, ed il forte difensore è per domenica abile ed arruolato. Con Biraschi, hanno lavorato ancora a parte Lisandro Lopez e Rolon.

MERCATO, IL RITORNO DI VELOSO – Per la terza volta, in tempi diversi, Miguel Veloso, talentuoso centrocampista portoghese, con ogni probabilità vestirà la maglia rossoblu.

Miguel firmerà un contratto a termine, che lo legherà al Genoa sino a Giugno 2019, con possibile opzione per la stagione 2019/2020.

Importante segnalare che un sondaggio tra i tifosi genoani sul ritorno di Veloso (il sito Pianetagenoa1893) ha – forse a sorpresa – accolto con 68% dei voti a favore e 32% contrari il tesseramento del portoghese.

Un utile ingaggio, nel caso Sandro, rientrato alla grande domenica scorsa a Frosinone, dovesse rifiutare.

OBIETTIVO TRE PUNTI CON IL PARMA – Prima del trittico Chievo-Frosinone- Parma, forse in casa rossoblu si sarebbero accontentanti di 7 punti. Ma dopo il successo con i veronesi e la vittoria di Frosinone, ora il Genoa conta di fare filotto, mettendo sotto anche gli emiliani.

La partita si giocherà domenica al “Ferraris” alle ore 12.30.

Un risultato pieno consentirebbe al Grifone di scalare ancor più la classifica, portandosi a ridosso anche del Napoli secondo in graduatoria.

Più realmente, i tre punti permetterebbero al Genoa di salire a quota 15 (in sette gare) in attesa del recupero con il Milan, previsto a fine mese; e soprattutto consentirebbe di affrontare una serie di partite molto difficili in maniera molto serena (Juventus, Udinese, Inter, Napoli, poi Derby con la Sampdoria e trasferta a Torino con i granata…) che arriveranno dopo la sosta internazionale decisa per permettere alla Nazionale italiana di giocare mercoledì 10 ottobre, proprio a Genova, la gara amichevole contro l’Ucraina.

PARMA IN EMERGENZA – Il Parma in questi giorni ha un primato veramente non invidiabile: ha infatti il maggior numero di infortunati della serie A. La lunga lista degli infortunati – ben otto! – parte da Munari e Scozzarella (lungodegenti) per proseguire con Dezi, Dimarco, Gervinho, Grassi, Inglese e Sierralta.

Se le cose non cambieranno  l’attacco sarà composto dal duo Ceravolo-Di Gaudio (quest’ultimo tra l’altro si sta allenando poco perché influenzato).

Per il resto, formazione ducale ancora in alto mare.

I prossimi allenamenti diranno a mister D’Aversa qualcosa in più…

Franco Ricciardi

Franco Ricciardi

Franco Ricciardi è nato a Genova nel 1955. Giornalista iscritto all’Albo dal 1990, ha collaborato e collabora con le più importanti testate genovesi, Il Secolo XIX, Il Lavoro, La Repubblica, il Corriere Mercantile ed è stato tra i primissimi radiotelecronisti genovesi (Radio Liguria 1, Telecittà, Telegenova, Primo Canale.

Negli anni 80 fondò, come editore, il giornale “Noi Genoani”, che veniva distribuito allo Stadio”.