Home Politica Politica Genova

Fase 2, coordinamento Asl liguri ad Alisa: consiglieri Pd attaccano governatore Toti

0
CONDIVIDI
Capogruppo regionale Giovanni Lunardon (Pd)

“Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti con un’ordinanza presentata in data 7 maggio, ha di fatto deciso di commissariare con Alisa tutte la Asl e l’intero sistema sanitario regionale.

L’ordinanza, presentata senza coinvolgere il consiglio regionale, definisce l’istituzione di una nuova struttura interna con funzioni di coordinamento, applicazioni e monitoraggio delle disposizioni impartite e da impartire, a cui dovranno rispondere tutte le Aziende sanitarie locali e gli enti del servizio sanitario regionale.

Le determinazioni di Alisa saranno vincolanti.

Una decisione che appare forzata e intempestiva, quanto più ci allontaniamo dall’inizio della fase di emergenza sanitaria, quando ancora occorreva disporre un’organizzazione con una rapidità che avrebbe potuto giustificare una controllo così diretto e senza vincoli”.

Lo hanno dichiarato oggi i consiglieri regionali del Pd.

Fase 2 e coordinamento Asl liguri, Sinistra italiana: grave che potere sia accentrato ad Alisa

“Il messaggio è molto chiaro – hanno aggiunto i consiglieri del Pd – nessuno disturbi il ‘manovratore’.

Facciamo notare che il ‘manovratore’, a oltre due mesi dall’inizio dell’inizio dell’epidemia, ha ormai ampiamente mostrato di avere gestito l’emergenza male e con gravi ritardi su molti dei suoi aspetti più importanti, fra cui test sierologici, tamponi, assistenza domiciliare e farmaceutica, controllo delle Rsa (Residenze sanitarie assistite).

Se a questo aggiungiamo il fallimento della gestione sanitaria regionale ancora prima dell’emergenza, testimoniato ad esempio dalla vicenda dei pazienti oncologici genovesi costretti a essere curati in trasferta a Savona, la situazione appare paradossale e drammatica.

Sembra più l’atto disperato di chi le ha sbagliate tutte e vuole difendersi nel fortino, dicendo a posteriori che se qualcuno ha sbagliato non è lui, piuttosto che la scelta di chi ha nelle sue mani il saldo controllo della situazione.

In Emilia Romagna il commissario all’emergenza si è dimesso per dare il segnale del ritorno alla normalità.

Proprio nel momento in cui bisognerebbe pianificare la fase 2 dal punto di vista sanitario con il concorso di tutti, si accentra tutto nelle mani di chi peraltro ha dimostrato evidenti e preoccupanti limiti nel guidare l’emergenza.

La differenza tra chi sa governare e chi non ne ha la minima idea appare evidente.

Così come appare chiara la distinzione tra chi si assume serenamente le proprie responsabilità e chi prova a dire che se ci sono stati errori sono sempre di altri: delle Asl, del Governo, del destino cinico e baro, di tutti tranne che di quelli che dovevano decidere e invece non lo hanno fatto o lo hanno fatto tardi e male.

Abbiamo appreso che Toti vuole dimettersi e ci auguriamo che in questa occasione si porti via i vertici di Alisa, che tanto danni e sciagure hanno fatto in questi anni in Liguria”.