Home Cronaca Cronaca La Spezia

Esercitazione dei palombari del Comsubin a Cagliari | Foto

0
CONDIVIDI
Grado, subacquei del GOS del Comsubin disattivano bombe di una chiatta della prima guerra mondiale rinvenuta sul fondo del mare 2018-03-08 © Massimo Sestini

Dalla Spezia a Cagliari per un’esercitazione

I Palombari del GOS, il Gruppo Operativo Subacquei del Comando Subacquei ed Incursori della Marina militare (Comsubin) a partire dal 24 Maggio al 4 Giugno faranno, l’esercitazione “EOD Range”.

L’attività vedrà i palombari del GOS, provenienti dalla Spezia, addestrarsi nella acque portuali di Cagliari, comprendenti il molo di levante, il molo di ponente, il molo Ichnusa e il golfo degli Angeli.

L’attività verrà svolta insieme agli uomini del posto e appartenenti al Nucleo SDAI, Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi.

Capo Noli (SV), i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei (G.O.S.) della Marina Militare, con il supporto di Nave Anteo, effettuano immersioni in saturazione (unici in Europa) sul relitto di una scialuppa armata francese, affondata nell’ambito della “battaglia di Capo Noli” nel 1795, detta anche “battaglia di Genova”. © Massimo Sestini

L’esercitazione, che si svolgerà nel pieno rispetto delle norme di sicurezza a tutela dell’ambiente e della popolazione civile, prevede l’uso di autorespiratori ad aria e a miscela con impiego di apparecchiature da lavoro subacqueo, sistemi di ricerca elettroacustici e sistemi per la bonifica di ordigni esplosivi improvvisati IED, Improvised Explosive Device.

Gli scenari messi in atto durante l’esercitazione EOD Range rievocano il complesso delle attività a favore della pubblica incolumità che vedono maggiormente impegnati, sia in campo nazionale che internazionale, gli operatori del GOS, e che includono la ricerca, la rimozione e la bonifica di ordigni esplosivi e residuati bellici oltre ad attività portuali rientranti nell’ambito del “salvage” per la ricerca e il recupero dal fondo di oggetti semplici e complessi.

Scafandro Rigido A.D.S. (Atmospheric Diving Suit) in immersione nella vasca operative di Comsubin. In primo piano è visibile un simulacro di mina da fondo denominata Manta e sullo sfondo un operatore subacqueo del GOS.

Nel contempo gli operatori subacquei della Marina Militare continueranno ad operare nel contesto EOD, per la messa in sicurezza e la successiva libera fruibilità del Golfo di Cagliari.

Ecco una Foto Gallery