Home Consumatori Consumatori Italia

Coronavirus | Animali domestici e selvatici non possono infettare gli umani

0
CONDIVIDI
Pet therapy (foto di repertorio)

Il ministero della Salute in tutte le sue comunicazioni precisa che gli animali da compagnia non diffondono il contagio né possono essere contagiati dal Coronavirus Covid-19. Lo ribadisce l’Enpa.

Ma nemmeno la fauna selvatica diffonde il virus. Le istituzioni sanitarie parlano degli animali domestici poiché sono nostri compagni di vita e convivono nelle nostre abitazioni, tralasciando la fauna selvatica che, per sua natura, vive libera. Ma è bene precisare, secondo la Protezione Animali, che anche i selvatici non diffondono il coronavirus.

Lo si evince chiaramente da due fonti ufficiali e autorevoli: l’Organizzazione Mondiale della Sanità e il Ministero della Salute.

L’OMS, sul suo sito spiega che i coronavirus sono una grande famiglia di virus da sempre comuni negli animali e non pericolosi per gli animali stessi. Raramente, le persone vengono infettate da questi virus che possono poi diffondersi ad altre persone; nei rari casi in cui si verifica, vi sono condizioni ambientali particolarmente degradate compromesse dal punto di visto igienico.  Le fonti animali di Covid-19 non sono state confermate. E ancora:  numerosi coronavirus noti circolano in animali e non hanno infettato esseri umani.

Il Ministero della Salute, oltre a ribadire i concetti espressi dall’OMS, sul suo sito risponde alla domanda “Sono possibili importazioni di animali o di prodotti di origine animale dalla Cina?”. A causa – questa la risposta – della presenza di alcune malattie degli animali contagiose in Cina (malattie diverse da quelle provocate dal Covid-19), solo pochi animali vivi e prodotti animali non trasformati sono autorizzati per l’importazione nell’Unione europea dalla Cina.

Non vi è alcuna prova che uno qualsiasi degli animali, o dei prodotti di origine animale, autorizzati all’entrata nell’Unione europea rappresenti un rischio per la salute dei cittadini.

Il quadro è quindi rassicurante, nonostante l’ovvio linguaggio prudenziale delle istituzioni sanitarie:  gli animali (domestici o selvatici) non rappresentano un pericolo di contagio e quelli da compagnia non corrono il rischio di ammalarsi.