Home Cultura Cultura Genova

Convegno sulle scelte politiche da Chamberlain a Churchill

0
CONDIVIDI
Convegno sulle scelte politiche da Chamberlain a Churchill

Continuano gli incontri alla rassegna “Studio Aperto” con una conferenza sui diversi risvolti della Seconda Guerra Mondiale. Sabato 16 giugno  l’ex sindaco di Santa Margherita Ligure Roberto De Marchi, appassionato cultore di storia, terrà un convegno tra la politica di Chamberlain a quella di Churchill: Dunkerque: “sangue, fatica, lacrime e sudore”.

L’appuntamento è alle 17 in via dell’Arco 38 a Santa Margherita Ligure. L’ingresso, come per tutte le iniziative dell’Associazione “Spazio Aperto” che hanno ottenuto il patrocinio del Comune, è libero e gratuito.

L’evento con De Marchi è dedicato all’analisi delle due diverse visioni e scelte politiche che hanno segnato la politica della seconda metà degli anni 30 del novecento, e che alcuni studiosi sostengono avere inconfessabili ragioni politiche. Oggi molte influenze della guerra fredda sono venuti meno e gli archivi degli Stati si sono aperti: nuove prospettive si presentano alla ricerca storica e alla possibilità di far luce su episodi sino a oggi oscuri, eppure così decisivi per l’esito del secondo conflitto mondiale.

Un thriller storico durante la Seconda guerra mondiale: così può essere riassunto lo scontro politico tra l’allora Primo ministro inglese Neville Chamberlain e il deputato Winston Churchill. Il primo, appoggiato dal Ministro degli esteri Edward Wood, conte di Halifax, era fautore di un accordo con Adolf Hitler, che stava lasciando attonito il Mondo con la folgorante vittoria sulla Francia e la chiusura dell’esercito inglese nella sacca della spiaggia di Dunkerque sulla Manica.

Churchill, al contrario, era l’esponente di punta della resistenza al nazismo. La battaglia di Dunkerque, quindi, senza soffermarsi al solo episodio militare, ma analizzando il processo politico che caratterizzò quei giorni: un pomeriggio interessante a Spazio Aperto, dove emergeranno episodi apparentemente minori e tuttavia decisivi nell’indirizzare gli avvenimenti. ABov