Home Gossip

Controcorrente | Ucraina, Lambrenedetto: lavaggio cervello dei mass media

0
CONDIVIDI
George Soros (foto di repertorio fb Lambrenedetto XVI)

“Putin non è un santo, ma Biden ha fatto di tutto per creare una guerra in Europa. Con Trump non sarebbe successo. Ora dobbiamo sperare che la cosa si risolva in modo meno traumatico possibile”.

“Se lo vai a provocare è logico che quello s’inc…. Fare entrare l’Ucraina nella Nato voleva dire piazzargli i missili a un metro. Putin è partito soft dicendo di no. Poi altri no più duri. E quelli? Due giorni fa hanno ribadito che vogliono entrare nella Nato. E vabbé ragazzi!”.

Lo ha dichiarato su fb e YouTube il blogger Lorenzo Lambrughi, in arte Lambrenedetto XVI, che da anni pubblica video dei suoi viaggi e riflessioni sui Paesi dell’est e russofoni con milioni di visualizzazioni, soprattutto fra i giovani.

Von der Leyen: Ucraina nella UE e l’Occidente invia armi. Terza Guerra Mondiale?

Becchi: vogliamo che cessi la guerra e inviamo armi in Ucraina?

Il blogger bergamasco ha anche pubblicato una foto di George Soros con la scritta: “Ho finanziato io il colpo di Stato in Ucraina”.

In sostanza, il finanziere ungherese, naturalizzato statunitense e sostenitore del Partito Demcratico Usa, nel 2016 aveva ammesso a Fareed Zakaria di Cnn di avere contribuito a rovesciare il regime filorusso per creare le condizioni di una democrazia filo-occidentale in Ucraina.

“Sto leggendo alcuni – ha aggiunto Lambrenedetto – che stanno scrivendo che Putin sta ammazzando donne bambini anziani.

Ma quanto vi hanno lavato il cervello in un solo giorno i mass media italiani ?

Ma come sta messa sta gente?

Quelli che stanno ammazzando da anni donne e bambini da ben otto anni è l’esercito ucraino del dittatore despota che vuole fuggire.

Putin è intervenuto (come fece la Nato nella ex Jugoslavia) per difendere i civili.

Oggi sta eliminando le postazioni militari dei nazisti ucraini che stanno bombardando da anni donne bambini anziani nel Donbass, dove era in corso una pulizia etnica da parte del dittatore ucraino, condannata anche da Amnesty International”.

Battaglione Azov, reparto militare ucraino impiegato per contrastare i separatisti filo-russi