Home Spettacolo Spettacolo Genova

Continua Trans Culture a Sampierdarena

0
CONDIVIDI
Trans Culture
Trans Culture

Continua Trans Culture a Sampierdarena. Il 10 dicembre il live di Sab, il DJ set di Nina Kipiani e un talk. della compagnia del SUQ.

Continua Trans Culture a Sampierdarena, al Centro Civico Buranello a Genova.

SABATO 10 DICEMBRE AL CENTRO CIVICO BURANELLO PROSEGUE TRANS CULTURE CON IL LIVE DI SAB, IL DJ SET DI NINA KIPIANI E UN TALK CON NARRAZIONI DELLA COMPAGNIA DEL SUQ

Prosegue il progetto di Forevergreen con Suq Genova, NoOx Worldwide e altri soggetti del territorio, che porta nella periferia del ponente cittadino una rassegna di spettacoli musicali, teatrali, visivi e laboratori. Ingresso gratuito

Genova – Musica suonata dal vivo dalla linfa delle piante, un dj set tra afrobeats e afrohouse e un dibattito sul ruolo del teatro nel tessuto sociale delle periferie.

Sabato 10 dicembre (dalle ore 18) al Centro Civico Buranello prosegue “Trans Culture”: protagonisti del penultimo appuntamento la band SAB, la dj Nina Kipiani e la Compagnia del Suq, che cura un talk con narrazioni dal titolo “Il teatro che racconta i quartieri”. L’ingresso è gratuito.

“Trans Culture” è un progetto di Forevergreen con Suq Genova, NoOx Worldwide e altri soggetti del territorio, che porta nella periferia del ponente cittadino una rassegna di spettacoli musicali, teatrali, visivi e laboratori, in cui l’uso di linguaggi performativi si intreccia al coinvolgimento inclusivo delle comunità.

L’iniziativa è realizzata grazie al contributo del Ministero della Cultura e del Comune di Genova nell’ambito del “Sostegno alle attività di spettacolo nelle periferie”.

Il penultimo appuntamento di “Trans Culture” prende il via alle 18 con il talk con narrazioni “Il teatro che racconta i quartieri”, a cura della Compagnia del Suq, in cui ne si discute il ruolo nelle periferie partendo dalle esperienze di teatro partecipato “Mercanti di storie” e “Il cerchio delle storie”, che coinvolgono cittadine e cittadini di diverse età, di Certosa e non solo.

Il talk è intervallato da letture che vedono protagonisti alcuni dei partecipanti dei laboratori. Si prosegue con le esibizioni di SAB: un’esperienza interattiva di produzione musicale con le piante (ore 19) e il live con proiezioni visual animate in 3D (ore 20). Chiude la serata il dj set di Nina Kipiani.

I S.A.B. sono un gruppo di Genova (Madido Studio, Sampierdarena), il cui progetto indipendente è basato su sonorità elettroniche, nu soul e future soul. Suonano le piante attraverso un sistema collegato alle piante (o oggetti con alta conducibilità), creando atmosfere spaziali accompagnate da proiezioni visual animate in 3D.

Le piante sono parte integrante della band, come conducibilità e simbolo di gentilezza: un topic a cuore, che ricorre nelle sonorità e nella voce di Isabel e nei messaggi. Nella primavera 2022 hanno debuttato dal vivo e, nell’estate successiva, hanno realizzato un tour tra Genova, Marche e Puglia.

Nina Kipiani è una dj nata in Africa da madre camerunese e padre georgiano, ed è cresciuta a Parigi. Oggi vive a Roma e lavora nel panorama dell’afro urban music, suonando tra Roma, Milano e Ibiza.

Grazie al proprio background internazionale, nei suoi set sviluppa un gusto musicale eclettico, spaziando da suoni ancestrali di culture diverse, all’afrobeats e all’afrohouse. Un universo musicale pieno di colori, ricco di emozioni profonde.

“Trans Culture” si conclude sabato 17 dicembre alla Casa di Quartiere 13 D di Certosa con la dimostrazione pubblica dei risultati del percorso di “Il Cerchio delle Storie”, laboratorio di teatro partecipato a cura di Enrico Campanati e Carla Peirolero della Compagnia del Suq.

«In questi due mesi – raccontano il direttore di Forevergreen Alessandro Mazzone, la direttrice artistica di Suq Genova Carla Peirolero e la direttrice artistica di NoOx Worldwide Silvia Nocentini – abbiamo coinvolto complessivamente 40 operatori culturali, 25 artiste e artisti e 5 relatori con l’obiettivo di valorizzare il ponente genovese sfruttando la bellezza delle sue diversità».

Linguaggi, culture e comunità, in dialogo in una rassegna di spettacoli musicali, teatrali e visivi e laboratori.

«Il bilancio di quest’edizione è molto positivo – aggiungono – sia dal punto di vista artistico, sia da quello della partecipazione: dal 15 ottobre hanno partecipato circa tremila persone, a dimostrazione di quanto il dialogo attivo tra realtà differenti possa dare un concreto ritorno a livello urbano e sociale».

“TRANS CULTURE”

Quindici eventi in programma nel ponente genovese da ottobre a dicembre, tra spettacoli musicali, teatrali e visivi, e laboratori. “Trans Culture – Territori Rigenerazione Arti Narrazioni Spettacolo, a Sampierdarena e Certosa” è un progetto per portare nella periferia del Ponente di Genova una rassegna di spettacoli musicali, teatrali e visivi e laboratori.

Il progetto è realizzato da Forevergreen con Suq Genova e NoOx Worldwide ed è vincitore del Bando “Per il sostegno alle attività di spettacolo dal vivo nelle aree periferiche della città di Genova” nell’ambito dell’Accordo di Programma MIC – Comune capoluogo della città metropolitana di Genova”, promosso dal Comune di Genova e dal Ministero della Cultura.

La maggior parte delle iniziative, anche di spettacolo e laboratoriali, sono a ingresso gratuito. Trans Culture è realizzato con il sostegno del Ministero della Cultura e del Comune di Genova, in collaborazione con Casa di Quartiere 13D Certosa, Centro Civico Buranello, Teatro Nazionale di Genova, Teatro SOC Certosa, Villa Giardino e Virgo Club.