Home Consumatori Consumatori Genova

Coldiretti: stop ai dazi Usa ed embargo russo per la Liguria

0
CONDIVIDI
Stop ai dazi USA e Embargo Russo per la Liguria
“Il clima di sfiducia dettato dalla criticità Coronavirus rischia di colpire duramente il settore agroalimentare Made in Liguria a causa delle incertezze e ritardi che condizionano gli scambi commerciali, dei limiti agli spostamenti dei cittadini che cambiano le abitudini di consumo con un brusco freno della domanda internazionale e, in loco, delle numerose disdette che stanno impattando il settore del turismo. Per agevolare le esportazioni è necessario, ora più che mai, lavorare per superare i dazi Usa e l’embargo russo, in modo da permettere, anche alle eccellenze liguri, di continuare ad affermarsi su questi importanti mercati”.

Oggi i responsabili di Coldiretti Liguria hanno commentato così il Piano straordinario 2020 per la promozione del Made in Italy di Coldiretti “dove vengono inoltre denunciate le speculazioni in atto in alcuni Paesi, laddove sono addirittura chieste insensate certificazioni sanitarie ‘virus free’ su vini e cibi provenienti dalle zone rosse, oltre ad assurde disdette per forniture alimentari provenienti da tutta la Penisola.

Insieme agli interventi per sostenere il tessuto produttivo a livello nazionale, serve quindi anche ricostruire un clima di fiducia nei confronti del marchio Made in Italy che rappresenta nell’alimentare una eccellenza riconosciuta, da sempre, sul piano qualitativo e sanitario, a livello comunitario ed internazionale.

“Serve un impegno delle autorità nazionali e comunitarie – hanno sottolineato il presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il delegato confederale Bruno Rivarossa- per fermare pratiche insensate che rischiano di far perdere quote di mercato importanti alle nostre produzioni per colpa di una concorrenza sleale che mira a screditare i prodotti locali, che sono sani e garantiti come prima.

L’emergenza coronavirus con le difficoltà produttive, logistiche e commerciali ed i pesanti danni di immagine fuori dai confini nazionali, sta mettendo a rischio il comparto che, anche a livello regionale, può fare da traino per l’intera economia.

È anche per questo che occorre far leva per fermare le limitazioni dettate dai dazi Usa, che potrebbero arrivare a colpire anche eccellenze locali quali olio e vino, e l’embargo russo che, da tempo, non permette ai prodotti liguri di affermarsi nel gigante asiatico come dovrebbero”.