Home Politica Politica Italia

Censura per non offendere gli islamici a Cairo, Codacons: danno per il Paese

0
CONDIVIDI
Cairo Montenotte: statua di Epaminonda e quadro con donna rimosso per non offendere gli islamici

“Un danno all’immagine dell’Italia agli occhi del mondo e una insulsa mortificazione del patrimonio culturale del nostro Paese”.

L’associazione dei consumatori Codacons, oggi ha commentato così il caso della statua di Epaminonda coperta e del quadro di una donna con la schiena coperta rimossa per non offendere gli islamici al Palacittà di Cairo Montenotte nel quale si svolgeva un convegno sull’integrazione sul dialogo interreligioso organizzato dalla Confederazione islamica italiana e dalla Federazione islamica ligure.

“Ancora una volta – ha aggiunto il presidente del Codacons Carlo Rienzi – le opere d’arte italiane vengono censurate in nome di esigenze cerimoniali assurde e incomprensibili, arrecando un danno all’intero Paese. Per la seconda volta, dopo la visita ufficiale di Hassan Rouhani nel 2016 nei musei capitolini a Roma, l’Italia regala una brutta immagine di sé mortificando il proprio patrimonio culturale ed artistico. E’ evidente che chi ha preso la decisione di coprire la statua di Epaminonda o l’ha autorizzata ha sbagliato e deve rispondere del proprio errore e dei danni causati al Paese”.