Home Politica Politica Genova

Bucci ribadisce: spostare Carmagnani e Superba. Individuate tre aree, ma non quella finale

0
CONDIVIDI
Petrolchimico Genova Multedo (foto fb A. Bruzzone)

Durante il consiglio comunale di oggi gli esponenti del M5S, Pd e Lista Crivello hanno chiesto ufficialmente al sindaco Marco Bucci di esprimersi circa “la dislocazione dei depositi costieri delle società Carmagnani e Superba da Multedo a Prà, così come riportato dagli organi di stampa”.

“Riguardo i depositi – ha replicato il sindaco Bucci – ho da sempre detto qual è la nostra strategia: spostare i depositi da dove sono in quanto non è opportuno avere dei depositi chimici vicino alle case.

Riguardo a questo problema non ci sono termini precisi di legge, ma gli aspetti legati alla sicurezza sono centrali.

Vogliamo creare la possibilità di una viabilità dedicata e i nuovi impianti dovranno essere tecnologicamente avanzati.

Tutto dovrà essere fatto tenendo conto della sostenibilità ambientale. Quindi favoriremo l’uso della ferrovia rispetto al trasporto su gomma, l’elettrificazione delle banchine e vogliamo provvedere alla mitigazione dell’impatto visivo.

Inoltre, i serbatoi dovranno essere di ultima generazione ossia senza alcun tipo di emissione.

Faccio presente che questi lavori sono strategici non solo per Genova ma per il sistema Paese.

Tutta la nostra azione tiene ben presente la tutela della salute pubblica.

Preciso che i 20 milioni di euro che occorrono non pesano sul bilancio del Comune perché sono stanziati dalla Legge Genova per il porto e indicati, dal Commissario per la ricostruzione, come ricollocazione dei depositi.

In questo momento, stiamo procedendo con l’analisi tecnica su tre aree individuate.

Noi procediamo per step successivi. Il primo è decidere cosa è valido e, dopo, incontreremo i cittadini.

Ribadisco che, fino a quando non abbiamo soluzioni tecniche precise, non faremo alcun incontro pubblico.

Vorrei anche aggiungere che siamo aperti a ricevere da chiunque qualsiasi suggerimento, ma invito a essere propositivi”.