Home Economia Economia Italia

Assessori all’Agricoltura in visita a Euroflora, Mai: condividere promozione nostri prodotti

0
CONDIVIDI
Assessore regionale all'Agricoltura Stefano Mai (Lega) a Euroflora

Ieri a Palazzo Tursi si è tenuta la Commissione Politiche agricole, con la partecipazione di una delegazione degli assessori all’Agricoltura di varie regioni italiane.

“Una seduta – ha commentato l’assessore regionale all’Agricoltura Stefano Mai – molto positiva perché sono state affrontate tematiche molto importanti per il comparto ligure: dalla viticoltura eroica, che interessa in particolare il nostro territorio e anche quello della Valle d’Aosta, alla promozione dell’enoturismo, che necessita di regole semplici e chiare, che possano rendere le cantine e i nostri produttori soggetti attivi nella promozione turistica dei territori per dare ai tantissimi appassionati che le visitano garanzia di qualità, a 360 gradi, con somministrazione di prodotti a chilometro zero, in prevalenza Dop e Igp”.

Tra i punti all’ordine del giorno affrontati, anche la realizzazione di un calendario condiviso tra le Regioni per la promozione dei prodotti tipici all’interno dell’Anno del cibo, promosso da Mipaaf, Mibact e Maeci

“Una bella opportunità – ha aggiunto l’assessore Mai – offerta dal ministero degli Affari esteri, che sicuramente troverà anche la partecipazione della Liguria. Certamente, come sottolineato dalla collega dell’Emilia Romagna, è necessario che il governo e i ministeri competenti non lascino da sole le Regioni nella programmazione finanziaria di eventi di promozione a livello internazionale delle nostre eccellenze”.

Terminata la Commissione, l’assessore Mai ha accompagnato i colleghi delle altre regioni a Euroflora 2018: “È stato motivo di grande orgoglio far visitare i Parchi di Nervi in tutta la loro bellezza, nonostante le condizioni meteo non eccellenti. La vetrina di Euroflora, frutto dell’impegno delle amministrazioni locali e del mondo agricolo, è un modello di promozione che ha suscitato ammirazione tra gli addetti ai lavori di tutta Italia”.