Home Cultura Cultura Savona

Ad Andora Festa dei diciottenni

0
CONDIVIDI
Ad Andora Festa dei diciottenni
Alasse 2003

Ad Andora Festa dei diciottenni. La parrocchia di Santa Matilde ha organizzato l’incontro per i nati della classe 2003.

Ad Andora Festa dei diciottenni, replica con un bis.

Accade dopo i nati del 2002 che, con un anno di ritardo a causa della pandemia, si sono riuniti venerdì scorso per festeggiare la maggiore età, in questo fine settimana è stata la volta dei nati della classe 2003.

Come di consueto la Festa, organizzata dalla parrocchia di Santa Matilde in collaborazione con il comune di Andora, è iniziata con un incontro, istituzionale sulla carta, ma in realtà molto informale, con il sindaco Mauro Demichelis che li ha accolti a Palazzo Comunale.

28 giovani, fra ragazzi e ragazze, che si sono dimostrati molto interessati al funzionamento della macchina amministrativa e politica,

e che hanno avuto modo di conoscere da vicino anche il mondo del volontariato, visitando la sede del Gruppo Comunale di Protezione Civile.

Il primo cittadino ha detto quanto segue:

“Non rinunciate mai a esprimere il vostro voto, un diritto-dovere che acquisite con la maggiore età che è sempre comunque importante far valere a sostengo delle vostre idee.

Soprattutto, cominciate già da oggi a fare proposte per migliorare la nostra Andora.

Se mi incontrate per strada non abbiate remore a fermarmi e comunicarmi il vostro punto di vista.

Stiamo lavorando per incrementare lo sviluppo economico di Andora e permettervi di costruire il vostro futuro qui, se lo vorrete”.

Alberto Petrucco, responsabile del Gruppo Comunale di Protezione Civile di Andora, dopo aver presentato l’attività e gli obiettivi del gruppo, la sede e i mezzi a disposizione, ha invitato i ragazzi ad entrare nel gruppo.

Petrucco ha affermato:

“Ogni lunedì ci riuniamo e, dalle 17.30, la sede è aperta anche a chi voglia conoscere meglio la nostra attività e magari provare a far parte del gruppo.

Nella Protezione Civile, ognuno ha il suo ruolo, sia operativo sul territorio che amministrativo o di organizzazione interna: tutti sono importanti.

Siamo felici di poter dire che, quest’anno, molti giovani sono entrati a far parte del gruppo.

Troverete coetanei che vi faranno sentire a vostro agio e volontari più esperti pronti a insegnarvi e condividere con voi la loro esperienza”.

Soddisfazione è stata espressa anche da Don Emanuele Daniel, parroco di Santa Matilde.

Egli ha accolto successivamente i giovani per la santa Messa a loro dedicata e cui è seguita una cena organizzata dei ragazzi.

Don Daniel ha detto:

“Sono felice che abbiano accolto il nostro invito a vivere insieme questo momento in cui la nostra Andora li accoglie come membri attivi.

La Parrocchia, quale comunità educante, conferma anche in questa occasione la disponibilità all’ascolto e al sostegno dei ragazzi che si affacciano alla vita, anche per un momento di confronto che possa aiutarli,  renderli indipendenti e consapevoli delle scelte che fanno”.