Home Cultura Cultura Savona

Ad Albenga l’ Agrario sempre attivo in campo culturale

0
CONDIVIDI
Uno degli eventi

SAVONA. 2 MAG. Grande successo per l’evento : “In-chiostro, incontro tra cultura e colture” promosso dall’ Istituto Agrario della “Città delle Torri”. Nel chiostro della chiesa di San Bernardino, nel quartiere di Vadino, la prima edizione della manifestazione è stata infatti seguita da un folto pubblico che ha apprezzato gli interventi dei vari relatori.

Il professor Giuseppe Rossi, per tanti anni vice preside dell’ istituto, è intervenuto sul tema: “L’ agricoltura in proverbio”, Luciano Gallizia, presidente della Cooperativa Olivicola di Arnasco ha parlato della conservazione del paesaggio ligure e delle innovazioni in campo agricolo.

L’agrotecnico Luca Lanzalaco ha svolto una relazione su:“ Il recupero dell’ uliveto giardino di Villa Levi ad Alassio”, mentre il professor Giorgio Barbaria, storico e ricercatore dell’ Istituto Internazionale Studi Liguri, ha affrontato l’argomento:“ Da un olio all’altro”.
Molto apprezzati anche gli interventi degli alunni dell’ agrario che si sono cimentati in letture dedicate al paesaggio ligure ed intermezzi musicali.
E’ stato anche possibile visitare la Chiesa di San Bernardino, accompagnati da una guida d’eccezione, il referente comprensoriale di Amnesty International, e noto studioso ed esperto di Storia della Riviera Ligure, Bruno Schivo. Durante la giornata gli studenti dell’ agrario e gli esperti della Cooperativa Olivicola di Arnasco hanno dato vita anche ad una dimostrazione della costruzione di un muretto a secco, che ha suscitato grande interesse.
Questo evento per la scuola agraria ingauna ha rappresentato la chiusura di tutta una serie di iniziative culturali che l’hanno vista già protagonista nei giorni precedenti con #GreenGeneration, il cineforum e Fior D’Albenga.

“Il nostro istituto- ci ha detto la Dirigente scolastica Simonetta Barile- ancora una volta è stato protagonista di diverse iniziative, volte ad unire i concetti di cultura e coltura. Tutto è cominciato con la partecipazione all’ evento #GreenGeneration, svoltosi a Genova promosso dalla neonata rete Re.N.Is.A Liguria”

Questa rete comprende l’insieme degli Istituti Agrari presenti sul territorio e tra le parole chiave della sua mission emergono qualità, ecoefficienza, innovazione e, soprattutto, ambiente. L’evento, realizzato presso la suggestiva Terrazza Colombo, ha avuto fra le finalità quella di promuovere e sviluppare gli obiettivi di Agenda 2030, in particolare l’innovazione sostenibile e la ricerca in agricoltura.

“ Un’ altra importante iniziativa– ci ha spiegato Mariella Gaudenti, responsabile dell’ Istituto Agrario di Albenga- che si è svolta presso l’Auditorium San Carlo ed ha avuto grande successo è stata quella del cineforum. Abbiamo organizzato la proiezione del film “L’uomo del grano”, incentrato sulla figura di Nazareno Strampelli, famoso genetista e agronomo capace di dare nuovi impulsi all’ agricoltura cercando, attraverso la selezione di nuove varietà di frumento, di contrastare la fame e la povertà”.

Alla proiezione del film era presente anche il regista Giancarlo Baudena che ha visitato il centro storico di Albenga, l’ associazione “I Fieui di Caruggi” ed il “Piccolo museo della fionda”.
Notevole successo ha avuto anche la partecipazione dell’ agrario alla manifestazione “Fior d’Albenga”. L’edizione di quest’anno aveva come tema principale la “Canzone italiana” e la scuola ingauna ha rappresentato con la sua aiuola la canzone “Il pescatore” di Fabrizio De André.
CLAUDIO ALMANZI